Sardegna, in vacanza senza smartphone con “Logout Livenow”, prima agenzia di Digital Detox d’Italia

217
0

Con “Logout Livenow”, prima agenzia di Digital Detox d’Italia basata a Sassari, in giro per la Sardegna senza smartphone. Il co-fondatore Gavino Puggioni: “Da noi anche un seminario per usare i cellulari con consapevolezza”.

Spegnere lo smartphone, lasciarlo in una cassetta di sicurezza e godersi la vacanza senza tecnologia. Per qualcuno è impensabile, ma non per i clienti di “Logout Livenow“, la prima agenzia di Digital Detox in Italia, con sede a Sassari, in Sardegna. A fondarla sono stati i due fratelli Gavino e Giuliano Puggioni.

L’idea è nata da una mia disavventura, quando durante il mio primo viaggio in solitaria a Cuba, mi venne rubato il portafoglio, così ho dovuto cavarmela senza Google Maps, senza Google Traduttore, senza le comodità che conosciamo“, racconta a Teleambiente Gavino Puggioni, CEO di “Logout Livenow” ed esperto di benessere digitale.

I due imprenditori organizzano esperienze di Digital Detox nei luoghi più incontaminati della Sardegna. “Proponiamo escursioni e giornate in barca a vela, in catamarano e in kayak. Ma andiamo anche nelle zone più interne dell’Isola, come in un eco-parco o in un borgo medievale“, spiega il giovane.

“Logout Livenow”, un seminario di “Benessere digitale” per usare i device con consapevolezza

Che sia per chattare con gli amici o per lavoro, le nostre giornate scorrono via con lo smartphone in mano. Proprio per questo Gavino Puggioni organizza un corso di “Benessere digitale” durante le escursioni in Sardegna.

Il seminario consiste in acquisire maggiore consapevolezza dell’utilizzo che facciamo ogni giorno dei dispositivi e delle conseguenze sul nostro benessere, sul tempo libero e sulle relazioni, così da acquisire nuove abitudini digitali“, conclude il CEO di “Logout Livenow”.

Articolo precedenteElezioni, nasce NUPES la grande coalizione ecologista e progressista francese
Articolo successivo2 giugno, Mattarella alla Festa della Repubblica: “Italia per la pace”. Sfilano anche medici e infermieri