Attualità

Sanremo, Diodato: “La mia vittoria per Taranto e per chi vive il dramma dell’Ilva”

Condividi

Il cantante aostano, “naturalizzato” tarantino, ha voluto dedicare la sua vittoria a Sanremo alla sua città d’adozione, Taranto, e a tutti quelli che lottano per ottenere giustizia contro l’Ex Ilva.

Questo premio lo dedico alla mia famiglia e alla mia ‘altra’ famiglia che sono tutte quelle persone che hanno lavorato con me sul mio progetto musicale, con una grande delicatezza. E poi ci tengo a dedicarlo alla mia città e a tutti quelli che lottano ogni giorno per una situazione insostenibile”. Il primo pensiero di Diodato dopo la vittoria del Festival di Sanremo 2020 va ad i suoi affetti e alla sua città, Taranto. In realtà Antonio è nato ad Aosta ma ha sempre vissuto nella città pugliese, che vive il dramma dell’Ilva. “Userò sempre la mia forza per aiutare i miei amici di Taranto ad avere una cassa di risonanza per denunciare la situazione insostenibile di Taranto. Per la mia città serve far rumore!”, ribadisce Diodato che si è aggiudicato anche il Premio della Critica Mia Martini.

Ilva, “Fare luce su negoziato governo-ArcelorMittal”. Sindacati preoccupati per rinvio al 6 marzo

Evidente nelle sue parole il riferimento alla questione dell’acciaieria Ilva e al suo impatto sull’ambiente, questione che lo ha visto tante volte intervenire. Diodato è anche, insieme all’attore Michele Riondino e al musicista Roy Paci, uno dei direttori artistici del Primo Maggio Taranto, evento di musica ormai affermato promosso dal comitato “Cittadini e lavoratori Liberi e Pensanti” che sin dalla sua costituzione nel 2012 chiede la chiusura dell’area a caldo della fabbrica, la bonifica e la riconversione economica della città.

Più forti dell’acciaio, il documentario di Chiara Sambuchi racconta la storia dell’ Ex-Ilva

Sull’evoluzione della sua carriera negli ultimi tempi, Diodato osserva: “Io ho esattamente quello che merito. Il mio percorso musicale ha ottenuto sempre quello che meritava. Credo che se oggi più gente si è avvicinata alla mia musica è perché io gli ho permesso di avvicinarsi. E questo premio lo dedico anche quel bambino che invece restava chiuso in casa ed aveva paura del mondo fuori”. Parteciperai all’Eurovision Song Contest? “C’ho da fare il 16 maggio?”, chiede al suo team. E alla risposta negativa dice: “Mi sa che ci vado. Dobbiamo tornare ad essere esportatori di musica”

(Visited 62 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago