Organizzato dal progetto Tartalove di Legambiente, in palio c’è un premio fantastico.

Una giornata romantica e indimenticabile al mare, ma anche l’occasione di fare del bene alle tartarughe marine. Questo il premio in palio per il contest ‘Un pensiero d’amore per…’, lanciato da Legambiente in vista di San Valentino nell’ambito del progetto Tartalove. Per partecipare basta andare sul sito di Tartalove, fare una piccola donazione per adottare simbolicamente una tartaruga marina e attendere di ricevere il certificato di adozione. A quel punto, occorre fotografare il certificato, accompagnandolo con una frase d’amore (dedicata al Pianeta, agli animali o alla persona amata) e pubblicandolo in un post o una storia su Facebook o Instagram, taggando l’account ufficiale della campagna Tartalove.

 

L’autore della frase più bella e significativa, scelta da una giuria composta da rappresentanti di Legambiente e della rivista La Nuova Ecologia, potrà partecipare alla liberazione di una tartaruga Caretta caretta al largo di Manfredonia, in Puglia. Non solo: la coppia vincitrice potrà visitare il centro di recupero, dove gli animali catturati o feriti vengono curati, e partecipare ad un romantico aperitivo su una delle spiagge più belle del Gargano.

 

Per partecipare bisogna aderire entro il 28 febbraio, mentre il nome dei vincitori sarà reso noto tramite i canali social entro il 15 marzo. Adottando simbolicamente una tartaruga marina e partecipando al contest, spiega Legambiente, si contribuisce concretamente alla campagna Tartalove per la tutela delle tartarughe Caretta caretta. “Sono decine, infatti, gli esemplari feriti che arrivano ai Centri di recupero a causa di incidenti dovuti al traffico marittimo, per catture involontarie da parte dei pescatori oppure per aver ingerito pezzi di plastica vaganti nelle acque del mare“. Legambiente specifica che il viaggio è a carico dei partecipanti. Il riconoscimento consiste nella visita al Centro di recupero, alla rimessa in libertà di una tartaruga al largo della costa di Manfredonia in barca con gli operatori del Centro, aperitivo per due.

Articolo precedenteNuovi Ogm, Eleonora Evi: “Chiediamo alla Commissione Ue di far luce sui rischi”
Articolo successivoFusione nucleare, quantità di energia record: “Può essere il futuro”