Samantha Cristoforetti mangia insetti nello Spazio: “Fatelo anche voi”. Il video

Samantha Cristoforetti fa merenda con una barretta con farina di grilli e mirtilli: “Perché non provate gli insetti? Fanno bene a voi e al Pianeta”.

Continua l’avventura di Samantha Cristoforetti nello Spazio. L’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) impegnata nella missione Minerva non perde l’occasione di condividere sui social attimi di lavoro e di spensieratezza. In uno degli ultimi post, la scienziata italiana si è ripresa mentre fa merenda con una barretta fatta con farina di grillo e mirtilli.

Sapevate che oltre due miliardi di persone nel mondo mangiano insetti? In molti Paesi, sono stati consumati e dati da mangiare agli animali da allevamento per secoli. Alcune specie sono addirittura considerate prelibatezze“, ha detto AstroSamantha.

E così, mentre il video sta raccogliendo ancora migliaia di commenti di apprezzamento e di condanna, la scienziata ha aggiunto: “Se trattati in modo sicuro e nel rispetto del loro benessere, gli insetti possono essere una fonte di cibo ricca di nutrienti ecologicamente sostenibile. In Europa, grilli, vermi e cavallette sono considerati nuovi alimenti che possono essere mangiati. Perché qualche volta non provate anche voi gli insetti? Fanno bene a voi e al Pianeta“.

Spazio, Samantha Cristoforetti alla guida della “Stazione Spaziale Internazionale”

Intanto, insetti a parte, Samantha Cristoforetti è diventata la nuova comandante della “Stazione Spaziale Internazionale” (ISS) dopo essere subentrata al comandante russo Oleg Artemyev. AstroSamantha è, dunque, la prima donna europea alla guida della ISS.

Grazie a tutti gli italiani che mi hanno sempre sostenuta con affetto. È un privilegio e un onore potere rappresentare l’Italia nello Spazio. E se sono qui è grazie al grande impegno che il nostro Paese assume in ambito spaziale“, ha dichiarato la scienziata dopo avere immortalato la Sardegna dall’alto.

Previous articleEcco perché anche in Italia è importante la piantagione degli alberi. La video-intervista
Next articleD’Annunzio astemio? No, era un grande intenditore di vini