Animali

Il salvataggio di un Orso intrappolato da giorni in un contenitore di plastica VIDEO

Condividi

Un orso nuotava in un lago con in testa un contenitore in plastica. La famiglia che è riuscita a salvarlo ha pubblicato il video su Facebook. Il povero orso vagava da giorni intrappolato da quel contenitore. 

Una famiglia del Wisconsin, Tricia Hurt, suo marito Brian e il figlio Brady, erano fuori a pescare sul lago Marsh-Miller quando si sono imbattuti in un orso che nuotava con un contenitore di plastica (quello che contiene le palline al formaggio) attorno alla testa. 

Trentino, anche il ragazzo aggredito dall’orso contrario all’abbattimento: “Impariamo a gestirli”

Sapevamo che se non avessimo fatto qualcosa non sarebbe arrivato a riva. Stava soffocando“, ha detto Tricia Hurt. La famiglia si è avvicinata all’orso e dopo diversi tentativi il marito è riuscito a liberarlo. L’intero calvario è durato circa cinque minuti. Eravamo così entusiasti! E’ stato bello aiutare il povero orso. Non ci piace vedere gli animali lottare“, racconta Tricia.

Una volta tornati al bar del resort, il racconto del loro atto coraggioso si era già diffuso grazie ad alcuni campeggiatori che avevano visto tutta la scena. La famiglia ha appreso dalle persone al bar che l’orso correva con quel contenitore in testa ormai da quattro giorni.
Il dipartimento delle risorse naturali del Wisconsin era stato contattato più volte ma non era stato in grado di localizzarlo.  “Non volevamo pubblicare il video –  spiega Tricia – Ma volevamo che tutti sapessero che l’orso stesse bene.” Da quando  è stato pubblicato il video su Facebook è arrivato a quasi 800.000 visualizzazioni.

Stati Uniti, via libera di Trump all’uso di dolci per stanare e uccidere i cuccioli di orso

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago