InquinamentoSalute

Salute, in aree con alti livelli di NO2 aumenta il rischio di sviluppare l’asma per gli over 50

Condividi

Secondo uno studio condotto in Irlanda, gli over 50 che vivono nelle aree dove la presenza di diossido di azoto è più alta hanno maggiori possibilità di sviluppare l’asma.

I soggetti over 50 che vivono in aree con alti livelli di inquinamento hanno una maggior possibilità di sviluppare l’asma secondo uno studio condotto in Irlanda e pubblicato sulla rivista International Journal of Epidemiology.

Salute, vivere vicino a pozzi petroliferi in gravidanza aumenta il rischio di neonati sottopeso

Lo studio ha raccolto i dati di 8,162 partecipanti al “The Irish Longitudinal Study on Ageing” per stimare le concentrazioni medie annuali di diossido di azoto (NO2) vicino le abitazioni. L’NO2 viene maggiormente prodotto dal settore dei trasporti come macchine, camion ed autobus. Nella raccolta dei dati i ricercatori hanno tenuto conto di fattori in grado di influenzare i risultati come età, sesso, reddito e passato da fumatori. Inoltre ai partecipanti è stato chiesto sia se fossero asmatici sia se utilizzassero strumenti medici come gli inalatori. Il risultato ha dimostrato che chi vive in aree con  alte concentrazioni di NO2 ha sviluppato i livelli più alti di asma.

Salute, il rischio di sviluppare la sclerosi multipla è maggiore nelle aree più inquinate

In totale il 9% degli over 50 ha riportato una diagnosi di asma mentre il 6.9% dei ha spiegato di aver bisogno di strumenti medici. Il vivere in aree con alte concentrazioni di NO2 è stato associato ad una maggiore probabilità di asma; ad esempio un aumento di una parte per miliardo nei livelli di NO2 può portare ad un aumento dello 0.24% delle probabilità di sviluppare l’asma e di aver bisogno di strumenti medici L’esposizione media al NO2 in questi campioni era di 4.8 parti per miliardo, con il 95% degli intervistati che vive esposto ad un livello di NO2 inferiore a 13.

Covid-19 e Inquinamento, nasce la Task Force Internazionale RESCOP

La professoressa Margaret O’Mahony del TCD ha spiegato: “I risultati dimostrano l’importanza delle ricerche sull’impatto sulla salute causato dall’inquinamento dell’aria e servono investimenti sia sui dati sanitari che su quelli dell’inquinamento per migliorare la nostra conoscenza su queste conseguenze”. Secondo la dottoressa Anne Nolan comunque l’Irlanda ha una qualità dell’aria migliore rispetto a molti altri paesi.

 

(Visited 24 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago