Più di 5 milioni di distributori automatici negli Stati Uniti d’America presto offriranno snack più salutari per i consumatori a partire dal primo gennaio 2020.

La National Automatic Merchandising Association (NAMA), un’industria di circa 25 miliardi di dollari, ha appena annunciato di aver raggiunto un accordo per aumentare la percentuale di cibo e bevande “better for you”, ovvero “meglio per te” in tutti i distributori della nazione.

Sugar Tax in manovra solo per le bevande. Fioramonti: “I proventi vadano alla scuola”

Un terzo dei prodotti nei distributori ha già ottenuto due riconoscimenti qualitativi, sotto l’impegno che questi aumenteranno di numero nei prossimi tre anni.

NAMA, che rappresenta circa mille compagnie, includendo alcuni dei brand più famosi, sta lanciando l’iniziativa in collaborazione con Healthier America e Alliance for a Healthier Generation, due organizzazioni no profit che si impegnano ad abbassare il tasso di obesità negli Stati Uniti.

Alimentazione, arriva da Israele la prima bistecca artificiale VIDEO

“Ci sono circa quattro milioni di distributori automatici che vendono snack e bevande in tutto il paese.” – ha detto il CEO di NAMA, Carla Balakgie –  Sono ovunque i consumatori vivano, lavorano e giocano e NAMA considera questa iniziativa coraggiosa, ambiziosa e il primo passo per aumentare la domanda di prodotti salutari da parte dei consumatori”.

Carla Balakgie ha annunciato l’iniziativa questa settimana a New York in unbriefing dove erano presenti ileader dell’industria della distribuzione automatica e da rappresentanti delle due organizzazioni no-profit.

Alimentazione, allarme cadmio nelle patate italiane. Rischio cancerogeno per un test svizzero

Il nostro obiettivo principale è di rendere accessibile a tutti la scelta di alimenti più salutari” ha aggiunto Nancy E. Roman, CEO di Partnership for a Healthier America, “vogliamo congratularci con NAMA e i suoi membri per i loro sforzi con questo impegno e non vediamo l’ora di aiutarli a renderlo possibile”.

Nel 2005 NAMA aveva già lanciato FitPick, sotto l’etichetta “better for you” e collaborato attivamente con membri dell’industria e delle organizzazioni per la salute: “Nei prossimi anni continueremo a lavorare con i nostri membri per misurare i risultati di questo impegno e aumentare di gran lunga il numero di opzioni salutari disponibili alla vendita. Collaboreremo con i partner della salute pubblica e con l’industria del cibo per incoraggiarli a supportare questa iniziativa con nuovi prodotti che rispettino gli standard”,  ha detto Greg Sigwell di NAMA.

Articolo precedenteLewis Hamilton, il campione vegano che si batte per l’ambiente
Articolo successivoQuali sono le città più green d’Italia? Trento in vetta alla classifica