Salute

Salute, ridurre l’inquinamento nell’aria porta benefici in poche settimane

Condividi

Secondo gli scienziati ridurre l’inquinamento dell’aria può avere effetti notevoli già nel breve periodo. Si potrebbe migliorare la salute degli individui e risparmiare miliardi di dollari di spese sanitarie.

Secondo l’ultima scoperta degli scienziati, ridurre l’inquinamento dell’aria può prevenire le morti e migliorare le condizioni sanitarie già in poche settimane. La scoperta indica che i benefici dell’aria pulita “sono quasi immediati e notevoli” e possono far risparmiare miliardi di dollari nel lungo periodo. La ricerca ha esaminato l’evidenza della riduzione di malattie dopo il diminuimento dei livelli di tossicità dell’aria. Sono state rilevate notevoli riduzioni di casi di asma, infarti e nascite premature di bambini.

“Ero sorpreso di come i benefici siano aumentati rapidamente” ha spiegato il professor Dean Schraufnagel dell’Università dell’Illinois e autore della ricerca “le nostre scoperte indicano effetti notevoli nell’immediato. È fondamentale che i governi adottino immediatamente le linee guida dell’OMS. Un cambiamento nelle politiche di un paese puòridurre la mortalità in pochi anni. I programmi locali come la riduzione del traffico hanno mostrato enormi benefici per la salute”.

Smog, l’inquinamento uccide più del tabacco: 8,8 milioni di vittime l’anno

I ricercatori hanno scoperto che i benefici per la salute si accumulano, anche quando l’inquinamento dell’aria scende sotto i livelli dell’OMS. Una ricerca ad inizio anno ha concluso che l’inquinamento dell’aria può danneggiare ogni organo e virtualmente ogni parte del corpo. L’OMS ha detto che l’inquinamento dell’aria “è un’emergenza sanitaria silenziosa” e che il 90% della popolazione mondiale respira aria tossica. Nel report, pubblicato nella rivista Annals of the American Thoracic Society dagli esperti del Forum of International Respiratory Societies, viene spiegato che i benefici dell’aria pulita iniziano già nella prima settimana. Quando l’Irlanda ha imposto il divieto di fumo nei locali pubblici, le morti nei fumatori passivi sono scese del 13%, gli infarti del 26% e gli ictus del 32%.

Dopo 17 giorni di blocco del traffico ad Atlanta durante le Olimpiadi del 1996, le visite di bambini legate all’asma sono scese del 40%. Anche a Pechino, il divieto del traffico e lo stop delle industrie durante le Olimpiadi del 2008 hanno portato ad una riduzione di asma ed infarti.

Il blocco di una fonderia dovuto ad uno sciopero di otto mesi nel sud degli Stati Uniti ha abbassato del 2,5% il tasso di morti mentre la chiusura di un’acciaieria nello Utah per 13 mesi ha dimezzato le ospedalizzazioni per pneumonia, pleuresia, bronchiti e asma, mentre le assenze dei bambini per malattia a scuola sono scese del 40%. Le donne che erano incinte durante la chiusura della fonderia hanno avuto meno nascite premature. In Nigeria, le donne a cui sono state date delle forniture per la cucina meno inquinanti hanno avuto bambini più in salute e meno morti durante la prima settimana di vita dei bambini.

Inquinamento, i bambini che vivono in città possono perdere fino a sette mesi di vita

I benefici della pulizia nell’aria continuano nel lungo periodo e sono molto efficienti. Il provvedimento Us Clean Air Act ha fatto risparmiare 2 triliardi di dollari nei 25 anni dopo essere diventato legge, 32 volte i costi sostenuti per entrare in vigore.

“Cosa stiamo aspettando? Ecco le evidenze. Se va a danneggiare alcuni interessi economici dobbiamo dirlo alle persone e le persone possono scendere in piazza e dire ai governi di voler aria più pulita”.

Il prof Schraufnagel ha spiegato che limiti all’inquinamento dell’aria esistono in molti paesi, ma vengono scarsamente applicati. I livelli di diossido di nitrogeno nel Regno Unito, emessi principalmente da veicoli diesel, sono illegali in molte aree urbane dal 2010.

Inquinamento, le capitali di tutto il mondo alle prese con livelli troppo elevati

Ma nonostante il governo sia stato condannato tre volte dalla corte suprema, sono stati fatti pochi progressi. Schraufnagel ha detto che i maggiori benefici verranno riducendo i problemi legati all’inquinamento. Tuttavia, ridurre l’inquinamento dell’aria seguendo le linee guida dell’OMS continua a ridurre le malattie.

(Visited 25 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago