Il piano ATNI Investor Signatories Group vede per l’Italia la partecipazione di Poste Italiane e Unicredit Banca

Poste Italiane, Unicredit e altri 51 big della finanza mondiale uniti contro il cibo spazzatura. Lo scorso martedì diversi investitori finanziari mondiali hanno presentato il Piano “ATNI Investor Signatories Group” in occasione del Tokyo Nutrition for Growth Summit 2021.

Scopo del Piano che vede per l’Italia la partecipazione della partecipata pubblica Poste Italiane e l’istituto di credito Unicredit è di aiutare le Nazioni Unite nella lotta al junk food e in questo modo aumentare il benessere e abbattere i costi sanitari associati alle diete povere.

“I costi sanitari associati a diete povere sono significativi – ha dichiarato Tim Benton, direttore del programma per l’Ambiente del Chatham House, il think thank della Royal Institute of International Affairs -. Consideriamo il diabete, una condizione in comorbidità con l’obesità. Negli Stati Uniti ci sono circa 23 milioni di malati, ed i soldi destinati alle loro cure ammontavano a 327 miliardi di dollari nel 2017. Entro il 2025, si stima che nel mondo ci saranno oltre 700 milioni di persone con diabete”. 

Natale 2021, i consigli per un cenone ecosostenibile

Dunque, il collettivo dei big della finanza (che, nel suo insieme, vale 12.4 milioni di miliardi di dollari) chiede alle aziende che producono cibo lavorato di riportare annualmente nei loro bilanci i ricavi generati dal cibo sano e dal cibo insalubre; di usare la scala “Health Star Rating” (o quella “NutriScore”) per parametrare la qualità di un alimento e di adoperare le linee guida degli Investitori affinché si generi valore e si migliori la salute dell’Umanità.

“Il patto – fanno sapere da ATNI – chiede anche alle istituzioni di usare, ove necessario, sanzioni fiscali per dissuadere la popolazione dal consumo di cibo malsano”.

FoodT, l’app che aiuta a mantenere una dieta sana evitando il cibo spazzatura

Articolo precedenteOstia, perso circa il 50% della spiaggia romana a causa dell’erosione costiera
Articolo successivoUe, Mattarella “Difendere i valori, ma non deve essere una fortezza”