TG AmbienteVideo

Salone Nautico di Venezia, tra tutele dell’ambiente e mobilità green – Tg Ambiente

Condividi

In questa edizione del Tg Ambiente, realizzata in collaborazione con ItalPress: 1) Campagna di Marevivo e British American Tobacco Italia contro l’abbandono di Mozziconi di sigarette; 2) Salone Nautico di Venezia, tra tutela dell’ambiente e mobilità green; 3) Bepanthenol Tattoo ed ENPA insieme per la salvaguardia di specie animali a rischio estinzione; 4) Cupra Born presenta i sedili in tessuto riciclato ricavato dalla plastica del mare

In questa edizione del Tg Ambiente, realizzata in collaborazione con ItalPress:

1) Campagna di Marevivo e British American Tobacco Italia contro l’abbandono di Mozziconi di sigarette: Prende il via ‘piccoli gesti, grandi crimini’, progetto realizzato da Marevivo in collaborazione con British American Tobacco Italia che vuole sensibilizzare cittadini e amministrazioni locali di mozziconi nell’ambiente e raccogliere dati utili per comprendere e prevenire il fenomeno. Secondo un report di Marevivo, le motivazioni principali per le quali i fumatori ripetono comportamenti errati, sono la mancanza di sensibilità verso l’ambiente, mancanza di consapevolezza, di cestini, posacenere e di sanzioni.

Marevivo, al via la campagna nazionale “Piccoli gesti grandi crimini” contro l’abbandono dei mozziconi nell’ambiente

2) Salone Nautico di Venezia, tra tutele dell’ambiente e mobilità green: La sostenibilità ambientale è il fil-rouge della seconda edizione del Salone Nautico Venezia, che in questi giorni vede esperti internazionali confrontarsi sul tema della salvaguardia dell’acqua dalle minacce che negli ultimi anni si sono fatte sempre più consistenti. L’obiettivo è la ricerca di azioni concrete per sviluppare meccanismi efficaci di tutela e protezione delle aree marine e costiere più sensibili, oltre alla necessità di far crescere una nuova cultura marittima.

 

3) Bepanthenol Tattoo ed ENPA insieme per la salvaguardia di specie animali a rischio estinzione: Salvaguardare le specie animali a rischio estinzione. È questo l’obiettivo del progetto lanciato dal Brand Bayer Bepanthenol tattoo in collaborazione con Enpa, un gesto concreto in favore della biodiversità degli animali che abitano il nostro territorio. Insieme a quattro noti tattoo artist italiani, sensibili al tema, sono stati selezionati 8 animali simbolo a rischio scomparsa, a cui è stato un tatuaggio. Un progetto che tutti possono sostenere visitando il profilo Instagram del Brand o la pagina dedicata all’iniziativa ‘preservation Tatoo’. Qui si potrà scaricare il tatuaggio preferito per portare sempre con sé l’animale prescelto.

 Cupra Born, i sedili in tessuto riciclato ricavato dalla plastica nel mare

4) Cupra Born presenta i sedili in tessuto riciclato ricavato dalla plastica nel mare: Presentata al mondo lo scorso 25 maggio, la Cupra Born, il primo veicolo 100% elettrico del marchio sportivo spagnolo è pronta ad inaugurare una nuova era: unire le forze del brand con Seaqual Initiative (inisciativ), organizzazione no-profit con base in Spagna che collabora con pescatori, Ong, istituzioni e comunità locali per la pulizia dei mari e degli oceani. Frutto di questa collaborazione sono i sedili di serie della Cupra Born che verranno realizzati con un tessuto in fibra polimerica riciclata, ottenuta dai rifiuti plastici marini. Seaqual Yarn, la fibra polimerica riciclata, è prodotta utilizzando come materia prima la plastica estratta dal Mediterraneo e da altri mari, oceani, fiumi ed estuari. Attraverso dei programmi specifici, vengono raccolti i rifiuti presenti sulle spiagge, sui fondali e sulla superficie degli oceani, dei fiumi e degli estuari e dopo aversmistato e selezionato i diversi tipi di materiali, la plastica viene pulita e trasformata in plastica marina riciclata, quindi utilizzata per creare il filato.

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago