salmonella acqua bollirla

Le disposizioni dell’azienda sanitaria locale Ulss 1 Dolomiti dopo i casi di salmonella riscontrati in provincia di Belluno.

Salmonella nell’acqua e casi di dissenteria in provincia di Belluno, arrivano le disposizioni sanitarie. La Ulss 1 Dolomiti ha reso noto ai cittadini che, prima di utilizzare l’acqua distribuita dagli acquedotti di Ponte nelle Alpi e Arsiè è necessario prima sottoporla a bollitura.

Da tre giorni l’acqua nel piccolo Comune di Arsiè non è più potabile, a causa del ritrovamento di batteri della salmonella in due diversi punti di campionamento. Tra i residenti c’erano anche stati dei casi di dissenteria, anche se non è ancora stata accertata la diretta correlazione con la presenza della salmonella.

La prima comunicazione sulla presenza della salmonella era arrivata dall’ente gestore delle reti idriche. Si ipotizza che il batterio sia entrato nei punti di presa per via della loro relativa superficialità e per opera della fauna selvatica.

Articolo precedenteMorten Thorsby, il calciatore-ambientalista sarà protagonista di uno speciale DAZN
Articolo successivoGiornata della Terra, l’Enpa: “Necessario riconvertire gli allevamenti intensivi”