Ad Atrani non raccogliere le deiezioni dei cani potrà costare caro. Ecco perché

Ad Atrani, in provincia di Salerno, una Banca Dati col DNA di tutti i cani presenti nel territorio comunale rintraccerà i proprietari soliti non raccogliere le deiezioni dei quattro zampe. 

Un’analisi del DNA sulle deiezioni canine per risalire ai proprietari incivili. È il provvedimento del Comune di Atrani, in provincia di Salerno, dopo avere modificato il Regolamento sul decoro urbano. L’Amministrazione Comunale ha deciso di istituire una Banca Dati dei profili genetici collegati ai microchip dei cani presenti sul territorio per più di sette giorni.

Una volta avvistate le feci su marciapiedi e strade del borgo campano, la Polizia Locale ne preleverà un campione, così da rintracciare il proprietario del quattro zampe.

Fino al 15 settembre 2022, il prelievo del DNA del cucciolo per l’iscrizione alla Banca Dati è gratuito. I medici veterinari offriranno oltretutto l’opportunità di effettuare il test per la Leishmaniosi. A partire da metà settembre, invece, il test sarà a carico del proprietario dell’animale.

Articolo precedenteScoperta una pastinaca gigante di 300 chili: è il pesce d’acqua dolce più grande del mondo
Articolo successivoLa Sardegna ha toccato già i 51 gradi. E siamo solo a giugno