Di Maria Laura Ranieri

Roma. La Ryanair, compagnia low cost  voleva addirittura comprarsi Alitalia e invece rischia di crollare.

Dopo la drastica riduzione dei voli annunciata la scorsa settimana, a  causa di ferie non pagate ai piloti (e conseguente annullamento di circa 2000 voli fino a gennaio) oggi il secondo annuncio che a partire dal 10 novembre e fino a marzo ridurrà la flotta di 25 aerei (sui 400 disponibili); mentre dal prossimo aprile saranno 10 gli aerei in meno utilizzati da Ryanair.

Per la stagione invernale 34 rotte cancellate (11 in Italia) con inevitabili conseguenze per circa 400 mila passeggeri.

Colpite soprattutto le rotte delle isole italiane con Trapani praticamente isolata, così come nel primo taglio di tratte era toccato ad Alghero in Sardegna  e alla Puglia.

Quel che appare incredibile è il goffo tentativo di minimizzare la situazione, quansi si trattase di ordinaria amministrazione.

Il taglio adottato dalla compagnia risponderebbe secondo il proprietario O’Leary e soci, alla necessità di ridurre il programma dei voli in maniera controllata, eliminando «ogni rischio di ulteriori cancellazioni, perché un rallentamento della crescita crea molti aerei e equipaggi di riserva nelle 86 basi», come dichiara la stessa compagnia irlandese.

La compagnia è alle prese con la difficoltà di fare fronte tanto a un piano ferie straordinario dei piloti e ad un esodo degli stessi e degli altri membri dell’equipaggio attratti da altre compagnie con stipendi superiori. La scorsa settimana Ryanair ha dichiarato di aver già cancellato fino alla fine di ottobre circa 2.100 voli causando disagi e problemi a 300 mila passeggeri.

1. Bucarest – Palermo
2. Chania – Atene
3. Chania – Pafos
4. Chania – Salonicco
5. Colonia – Berlino (SXF)
6. Edimburgo – Szczecin
7. Glasgow – Las Palmas
8. Amburgo – Edimburgo
9. Amburgo – Katowice
10. Francoforte sul Meno – Oslo (TRF)
11. Amburgo – Salonicco
12. Amburgo – Venezia (TSF)
13. Londra (LGW) – Belfast
14. Londra (STN) – Edimburgo
15. Londra (STN) – Glasgow
16. Newcastle – Faro
17. Newcastle – Danzica
18. Sofia – Castellon
19. Sofia – Memmingen
20. Sofia – Pisa
21. Sofia – Stoccolma (NYO)
22. Sofia – Venezia Treviso (TSF)
23. Salonicco – Bratislava
24. Salonicco – Parigi BVA
25. Salonicco- Varsavia (WMI)
26. Trapani – Baden Baden
27. Trapani – Francoforte (HHN)
28. Trapani – Genova
29. Trapani – Cracovia
30. Trapani – Parma
31. Trapani – Roma FIU
32. Trapani – Trieste
33. Breslavia – Varsavia
34. Danzica – Varsavia

Articolo precedenteÈ MORTO HUGH HEFNER, FONDATORE DI PLAYBOY
Articolo successivoROMA. RINVIO A GIUDIZIO PER VIRGINIA RAGGI: “DISSE IL FALSO”. CADE ACCUSA DI ABUSO