AttualitàInquinamento

Russia, lo sversamento di gasolio ha raggiunto il lago Pyasino: ora potrebbe raggiungere il mare

Condividi

Il governatore della regione sostiene che lo sversamento di gasolio abbia raggiunto il lago Pyasino e che da li possa finire nel Mare di Kara ma Norilsk Nickel afferma di essere riuscita a contenere la perdita.

Secondo le autorità russe la perdita di carburante nel fiume nella regione artica avrebbe raggiunto il lago Pyasino, un lago intatto della regione che funge da bacino per il fiume Pyasina, che poi sfocia nel Mare di Kara.

Russia, effetti sversamento gasolio nel fiume: “Siamo in grado di affrontarlo da soli”

Lo scorso mese a causa di una perdita in un serbatoio di carburante della Norilsk Nickel, la più compagnia di nickel e palladio, 21,000 tonnellate di gasolio sono finite nei fiumi e nel sottosuolo della regione. Greenpeace ha paragonato il disastro a quello della Exxon Valdez del 1989. Gli operatori stanno cercando di pulire e contenere la perdita di carburante, che sembra aver raggiunto il lago Pyasino, a circa 20 km a nord di Norilsk.

Pesci morti nel Tevere, analisi della acque: presenza di fitofarmaci

Il carburante ha raggiunto il lago Pyasino” ha commentato Alexander Uss, governatore della regione del Krasnoyarsk alla tv di stato “Ora è importante evitare che raggiunga il fiume Pyasina, che scorre a nord. Questa è una possibilità”. Secondo il report di Norisk Nickel il carburante non avrebbe ancora raggiunto il lago Pyasino grazie alle strutture costruite nel vicino fiume Ambarnaya per contenere e prevenire ulteriori perdite. Per la compagnia non esiste un rischio di inquinamento per il Mare di Kara.

Mare, Minambiente avvia gara Ue per servizio antinquinamento esteso a plastica galleggiante

Secondo Norilsk Nickel l’incidente è stato causato dallo scioglimento del permafrost, che ha indebolito le fondamenta sui cui si trovava il container da cui è partita la perdita.

(Visited 115 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago