Attualità

Russia, a Mosca non nevica più: le temperature superano i 6°C VIDEO

Condividi

Le temperature a Mosca hanno superato i 6°C nell’inverno più caldo registrato dal 1886. Le autorità sono state costrette a ricorrere alla neve artificiale.

Solitamente Mosca in inverno si ricopre di neve. Sfortunatamente quest’anno non è così: le temperature del mese di dicembre hanno superato ogni record, tra cui i 6.2°C registrati il 31 dicembre, un record che non veniva infranto dal 1886. La media delle temperature di dicembre nella capitale russa è di -6°C e la neve trasforma la città in un parco delle meraviglie invernali. Ma le foto scattate durante le vacanze di Natale mostrano un asfalto completamente spoglio dalla neve.

Clima, come i cambiamenti climatici influiranno sulle nostre vite

Un utente su Instragram ha postato un’immagine di un cumulo di fanghiglia vicino al Cremlino, con scritto “questa è tutta la neve che c’è a Mosca. È stata radunata nella Piazza Rossa”. Altri utenti dei social hanno postato la loro opinione sulla neve artificiale della città.

Secondo le autorità la neve artificiale è stata creata facendo a brandelli il ghiaccio di alcune piste di pattinaggio “solitamente viene fatta sciogliere ma in questo caso abbiamo dovuto utilizzarla di nuovo”.

Clima, ecco il report sui rischi per l’umanità a causa del riscaldamento globale VIDEO

Nonostante le temperature elevate, il leader russo Vladimir Putin nega che la Russia stia soffrendo gli effetti dei cambiamenti climatici; nel suo discorso di fine anno Putin ha spiegato “sappiamo che nella storia del pianeta ci sono stati periodi più caldi e più freddi. Questo potrebbe dipendere dai processi nell’universo”.

Clima, anche la Russia entra nell’Accordo di Parigi

Tutto il nord Europa sta soffrendo temperature più calde del previsto. Secondo l’ufficio meteorologico del Regno Unito, questo inverno in Gran Bretagna sarà il più caldo da 109 anni.

(Visited 82 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago