Animali

Russia, cucciolo di leone torturato per scattare selfie con turisti: è vivo per miracolo VIDEO

Condividi

Le zampe posteriori di un cucciolo di leone sono state rotte in modo che non potesse scappare e posare per le foto dei turisti. La crudele crudele vissuta dal piccolo Simba è successa in Russia. 

Il cucciolo è stato strappato dalla mamma quando aveva solo poche settimane e costretto a posare per le foto con i turisti. Dopo essere stato sfruttato per tutta l’estate scorsa, i torturatori di Simba gli hanno rotto le gambe per impedirgli di scappare via via che cresceva.

La salute di Simba è peggiorata rapidamente deteriorata, subendo gravi lesioni alla colonna vertebrale e rischiando di morire.  L’animale è stato trovato dai soccorritori affamato e impossibilitato a muoversi, legato in un fienile sporco e freddo nella regione russa del Daghestan.

Animali, un babbuino porta in braccio un cucciolo di leone come nel film VIDEO

Vladimir Putin, scioccato dall’episodio, ha ordinato personalmente un’indagine criminale per far luce sulla crudeltà vissuta da Simba. Un video mostra l’animale indifeso prima di un intervento chirurgico salvavita e successivamente mentre lentamente e dolorosamente impara di nuovo a camminare.

Non era praticamente nutrito e per qualche motivo nell’acqua gelata veniva costantemente versata su di lui – ha detto Yulia Ageeva, alla guida della missione di salvataggio del cucciolo. – Questo è stato un vero inferno.”
Simba ha anche sofferto di piaghe da decubito, ostruzioni intestinali e perdita di muscoli agli arti posteriori.

I fotografi malvagi rompono le ossa in questo in modo che i predatori selvaggi non possano fuggire e si restino calmi per le foto con i turisti. – spiega il veterinario specializzato Karen Dallakyan – La guarigione del cucciolo è stata un miracolo“.

Denver, sono nati due cuccioli di leone africano VIDEO

Il leader del Cremlino ha promesso un’indagine per condannare il torturatore degli animali e qualsiasi altra persona lo abbia aiutato. Il fotografo senza nome che ha lavorato con Simba la scorsa estate a Sochi ha negato di aver torturato l’animale e ha detto di aver dato il cucciolo a nuovi proprietari.

Utilizzare questi predatori per interagire con gli esseri umani è la cosa più sbagliata. Si tratta di un’interazione innaturale che mette a rischio sono solo la fauna ma l’intero ecosistema. Gli animali selvaggi devono restare tali, non devono essere utilizzati per selfie o peggio ancora come animali da compagnia.

Un documentario su Netflix “Tiger King” ha mostrato le immagini di ciò che accade in diverse strutture negli Stati Uniti: un vero e proprio sistema di abusi e maltrattamenti sugli animali fondato soltanto sul profitto economico.

Cuccioli di leone in condizioni disperate scoperti in un centro di riproduzione FOTO

“I cuccioli vengono strappati subito dalle loro madri e tutto ciò diventa una vera e propria macchina da soldi. Una volta che questi animali crescono, nonostante siano stati allevati, devono poi “sparire” perché pericolosi. – ci ha spiegato Martina Pluda, direttrice HSI ItaliaMolto spesso infatti vengono uccisi o venduti entrando nel traffico di specie protette o rimangono in queste strutture rinchiusi a vita. Ci sono più tigri in cattività che in natura.  Ciò che per i visitatori è un divertimento di una paio di ore rappresenta invece una vita di sofferenza per questi animali”.

(Visited 594 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago