Home Clima Ruby, l’albero di Natale a Capitol Hill, appartiene ad una specie a...

Ruby, l’albero di Natale a Capitol Hill, appartiene ad una specie a rischio di estinzione

Ruby, l'albero di Natale a Capitol Hill, appartiene ad una specie a rischio di estinzione

Si avvicina il Natale e anche a Capitol Hill il protagonista è l’albero, un esemplare di abete rosso sulle quali si sono accese le luci, non solo quelle natalizie, ma – si spera – anche quelle sul cambiamento climatico

Ruby, il picea rubens (abete rosso) di 78 piedi scelto per decorare la dimora del Presidente degli Stati Uniti, brillerà sul prato occidentale del Campidoglio per il periodo delle festività natalizie.

Kelly Holdbrooks, direttrice della riserva dalla quale proviene Ruby, e molti altri sostenitori sperano che la scelta di un abete rosso faccia luce sulle problematiche legate al cambiamento climatico che negli anni hanno portato questa specie a rischiare l’estinzione. La speranza è che questa scelta rafforzi gli sforzi fatti per ripristinare la presenza di questi alberi nella catena montuosa degli Appalachi.

Infatti, ha spiegato Holdbrooks al Washington Post, questi alberi dalla forma piramidale forniscono l’habitat per molte specie di piante ed animali, tra cui alcuni a rischio di estinzione, come lo scoiattolo volante del Nord della Carolina.

Katy Shallows, esponsabile della strategia di ripristino per il programma degli Appalachi centrali presso la Nature Conservancy, ha poi sottolineato al Washington Post l’importanza di ripristinare le foreste di abete rosso “È fondamentale mantenere le foreste di abete rosso nelle altitudini più elevate perché saranno il rifugio climatico per molte delle specie che dipendono da esse e molte delle specie che si stanno spostando verso l’alto man mano che il clima diventa più caldo e secco”

I danni causati nei secoli all’abete rosso

Essendo un tipo di legno molto apprezzato dai falegnami per la sua altissima qualità, l’abete rosso ha subito nei secoli numerosi danni, come il disboscamento che ne ha ridotto drasticamente la presenza negli Appalachi. Negli anni ’60 e ’70, l’inquinamento industriale ha provato il fenomeno delle piogge acide, che hanno ulteriormente danneggiato un equilibrio già compromesso, rendendo l’abete rosso ancora più fragile ai danni causati dai cambiamenti climatici.

Insomma, oltre agli altri 76 alberi presenti tra interni ed esterni alla Casa Bianca, si spera che Ruby susciti una riflessione sulla necessità di preservare questa antica specie arborea.

 

Articolo precedenteCOP15: “Trasformare il 30% della Terra e il 30% degli Oceani in aree protette”
Articolo successivoNel 2025 le rinnovabili saranno la principale fonte energetica al mondo. Il video