Cultura

ROMICS 2018, ROMA. PROTAGONISTI DELLA XXIII EDIZIONE FUMETTI, COSPLAYER E L’ATTORE MARTIN FREEMAN

Condividi

Romics 2018. Di Dario Pumi. Si è tenuta dal 5 all’8 aprile presso la Fiera di Roma la 23esima edizione del Romics, la fiera internazionale del fumetto, dei videogames e del cinema.

Tra le novità di questa edizione la partecipazione straordinaria dell’attore Martin Freeman, celebre per aver interpretato Bilbo Beggins nel film Lo Hobbit, diretto da Peter Jackson, e il dottor John Watson nella celebre serie tv Sherlock, al quale è stato consegnato il prestigioso riconoscimento Romics d’Oro.  Lo stesso premio è stato riconosciuto ad altri due grandi autori mondiali presenti in fiera: Tsukasa Hojo, creatore delle serie Occhi di Gatto, City Hunter e Angel Heart, e Massimo Rotundo famoso fumettista italiano.

I padiglioni della fiera sono stati allestiti con postazioni multimediali e stand con fumetti vecchi e nuovi, videogiochi anni 80 e 90, gadget rari e molto altro ancora. 100 presentazioni, incontri ed eventi in 10 location in contemporanea; 5 padiglioni per immergersi in tutti i mondi della creatività, dal fumetto all’illustrazione, dalla narrativa al cinema.

Quattro giornate con più di 200.000 visitatori, appassionati di tutta Italia che si danno appuntamento al ROMICS per scoprire le novità, parlare dei propri interessi, creare una rete di contatti con gli amanti di cinema, comics e games. La fiera ha visto coinvolti diverse generazioni tra grandi e piccini. E a ravvivare l’evento è stata la presenza dei cosplayer: ragazzi e adulti che per passione si travestono da personaggi dei fumetti, cinema e videogiochi, interpretando al meglio la parte dei loro beniamini. Tra i vari cosplayer supereroi delle pellicole cinematografiche e protagonisti dei videogiochi: Deadpool, Batman, il corteo di Star Wars, Supermario, Harley Quinn e molti altri.

Un appuntamento magico che ha entusiasmato grandi e piccini. Prossima edizione in programma dal 4 al 7 Ottobre alla Fiera di Roma.

 

(Visited 218 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago