L’ex sindaca eletta in Campidoglio con 11 voti a favore e una scheda bianca.

Virginia Raggi, ex sindaca di Roma, è stata eletta presidente della Commissione Speciale del Campidoglio per Expo 2030. L’attuale consigliera comunale del M5S ha ottenuto 11 voti a favore e una scheda bianca. Sarà affiancata da Giulia Tempesta (Pd) in qualità di vicepresidente vicaria e da Antonio De Santis (M5S) come vicepresidente eletto.

Lazio, ecco il contratto di fiume per il Tevere

Expo 2030 è una grande occasione per Roma e per l’Italia, spero possiamo vincere questa sfida. Ringrazio i colleghi che mi hanno eletto e il sindaco che aveva già dichiarato la volontà di proseguire il lavoro iniziato due anni fa” – ha spiegato Virginia Raggi – “Si tratta di una sfida innovativa sulla rigenerazione della città, ci metteremo subito all’opera e questa è una sfida che si vince tutti insieme. Dobbiamo trovare il progetto migliore“.

Un milione di alberi a Roma in 5 anni. Alfonsi: “Salveremo i pini di Roma”

In Campidoglio è stato eletto anche il presidente della Commissione Speciale per il Giubileo del 2025: si tratta di Dario Nanni, consigliere capitolino di Azione. Molto soddisfatto, dopo la votazione, Roberto Gualtieri. “La scelta di coinvolgere tutte le forze politiche in alcune commissioni è una cosa positiva, perché ci si assume un impegno sulle sfide più generali della città” – ha spiegato il sindaco di Roma – “Le nomine sono arrivate con il coinvolgimento delle opposizioni. Io, con tutti gli altri candidati, avevo sottoscritto il Patto a sostegno della candidatura di Roma all’Expo“.