CulturaInquinamentoRoma

Roma, a Tor Bella Monaca l’ecomurales “Sotto la Superficie” con un messaggio per l’ambiente e le periferie

Condividi

“Sotto la superficie”, arriva l’ecomurales realizzato con l’Airlite anche nel quartiere Tor Bella Monaca di Roma, firmato da Lucamaleonte, promosso dalla no profit Yourban2030. Il messaggio: “Diritto alla Bellezza è dignità, e la dignità è un diritto”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da YOURBAN 2030 (@yourban2030)

Arriva a Roma un nuovo ecomurales, il primo ad apparire sui muri di un palazzo di edilizia popolare nel quartiere di Tor Bella Monaca: è “Sotto la superficie“, firmato da Lucamaleonte, promosso dalla no profit Yourban2030 all’interno del programma RIF Museo delle Periferie di Azienda Speciale Palaexpo, con il patrocinio del VI Municipio di Roma Capitale e il supporto di Findus Italia.

Roma, a Garbatella arriva un nuovo ecomurales: la Venere di Carlos Atoche

Il messaggio: “Diritto alla Bellezza è dignità, e la dignità è un diritto”. Un tempo l’edilizia popolare come quella che è sorta a Tor Bella Monaca non guardava al benessere attraverso la bellezza, bensì alla semplice funzionalità strutturale, per rispondere ad esigenze unicamente “abitative”. A distanza di 40 anni si è invece compreso che la bellezza è un elemento fondamentale nella qualità della vita delle persone.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca Maleonte (@lucamaleonte)

“Intanto ‘sotto la superficie’ del mare, perché l’opera parla di salvaguardia della biodiversità e di rispetto dei fondali marini. – spiega l’artista Lucamaleonte – Ed è fatta in un luogo di cui superficialmente viene fatta una narrazione, ma sotto la superficie delle periferie e di questa in particolare ci sono tante realtà virtuose che dobbiamo portare a galla. L’opera è un invito ad andare a fondo e a far emergere tutto quello che c’è al di sotto”.

L’ecomurales è dipinto con Airlite, una tecnologia che si applica come una pittura su qualsiasi superficie trasformando ogni parete in un depuratore naturale perché riduce gli ossidi di azoto, principale causa di morte derivante dall’inquinamento dell’aria.

Stand With Us, dall’Italia agli Stati Uniti il maxi murales mangia-smog contro il razzismo

Poter utilizzare le pitture fotocatalitiche – dice Lucamaleonteè un valore aggiunto dell’opera ovviamente perché questi sono luoghi molto trafficati e poter riuscire ad abbattere l’inquinamento di quasi 40 auto sul territorio pulendo l’aria è un qualcosa in più che dà un valore incredibile all’opera al di là di qui che c’è rappresentato, quindi si può andare oltre al disegno pensando al beneficio che chi vive qui ne potrà trarre“.

Dopo la recente Venere contro la Prevenzione a Garbatella, con Komen Italia e Castel Romano Outlet, siamo molto orgogliosi di proseguire la mission di Yourban2030 a Roma, a Tor Bella Monaca, andando a insistere per la prima volta sulla facciata di un palazzo popolare che abbiamo ripristinato e reso tela urbana di questa nuova opera”, dichiara Veronica De Angelis, Presidente di Yourban2030. 

Roma, inaugurato il nuovo murales antismog dedicato al movimento LGBTQI+

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Museo delle periferie (@museodelleperiferie)

Siamo felici di questo intervento di Yourban2030 – dichiara Alessandro Marco Gisonda, Assessore alla Cultura del Municipio VI – perché rientra perfettamente nel progetto di ‘Diamoci una (tor) bella mano’. Porta avanti, quindi, questo obiettivo di attivare realtà sociali, sia del quartiere che da fuori e pian piano intervenire attraverso l’arte e lo stare insieme, creando rapporti e relazioni.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago