CulturaRoma

Roma, street-art per le specie in via d’estinzione

Condividi

Il murale comparso in zona San Pietro è opera dell’artista Lucamaleonte ed è il secondo lavoro del progetto Lupus in Muta.

Una pernice bianca circondata da decine di pettirossi. E’ il tema del murale dell’artista Lucamaleonte che è apparso nei giorni scorsi sulla facciata del palazzo che ospita l’asilo nido I Cuccioli di via Silveri, in zona San Pietro a Roma.

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca Maleonte (@lucamaleonte)


Si tratta del secondo murale che l’artista romano ha dedicato al tema della biodiversità e delle specie in via d’estinzione, dopo quello che raffigura un lupo grigio circondato da un branco di volpi rosse, apparso a fine settembre in zona Valle Aurelia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tiziano Tancredi (@tizianotancredi)

Sia la pernice che il lupo sono specie in via d’estinzione in Italia. Dunque la scelta dei due animali non è stata casuale.

Il progetto, dal titolo Lupus in Muta – dai nomi latini del lupo e della pernice (Lagopus muta) – rientra nel più ampio progetto Creatività Urbana 2021 del Municipio XIII ed è a cura dello storico dell’arte e curatore Tiziano Tancredi e del presidente dell’associazione socioculturale Villa Carpegna, Sandro Guarino.

Brasile, le ceneri dell’Amazzonia diventano un murale che denuncia il riscaldamento globale

“Sono due le ragioni profonde che muovono la creazione del dittico murale – ha spiegato Tiziano Tancredi – la volontà di raccontare la trasformazione che la fauna italiana sta subendo rapidamente negli ultimi anni e quindi la necessità di una mobilitazione per la preservazione della biodiversità dell’ecosistema italiano tutto”.
“La scelta compositiva di porre un singolo elemento al centro di altri uguali, attraverso un’evidenza numerica – continua Tancredi – intende dunque segnalarne per contrasto la natura fragile. Crediamo che questo dispositivo compositivo sia una maniera per parlare di un argomento complesso in modo semplice ma non semplicistico alla portata dei bambini che lo vedranno tutti i giorni”. 
(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago