AnimaliAttualitàRoma

Roma, il blitz degli animalisti che coprono di rosso la statua della porchetta: “Così è più realistica”

Condividi

Roma, dopo le polemiche arriva anche il blitz degli animalisti contro la statua della porchetta inaugurata a Trastevere. Il ‘monumento’ è stato macchiato di vernice rossa: “Così è più realistica”.

Roma, dopo le polemiche dei giorni scorsi arriva anche il blitz degli animalisti: la statua della porchetta, inaugurata a Trastevere dal I Municipio, è stata coperta con della vernice rossa come il sangue. A rivendicare l’azione sono stati gli attivisti di Animal Liberation Front Italia, mentre sui social gli utenti sono soddisfatti del gesto: “Così la statua è più realistica“.

 

La statua della porchetta era stata inaugurata in pompa magna dalla presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi: a realizzarla era stato un giovane studente della Roma University of Fine Arts, nell’ambito del progetto Piazze Romane, che prevedeva l’installazione di otto diverse opere in vari luoghi della Capitale. L’opera, intitolata ‘Dal panino si va in piazza‘, doveva essere un omaggio alla tradizione gastronomica romana, ma ha suscitato reazioni contrapposte.

Rocca Cencia, 25 comitati ed associazioni dicono NO al revamping! Assemblea pubblica domenica 4 luglio

Sabrina Alfonsi, presidente del I Municipio (Centro Storico), ha condannato l’accaduto. “Un atto di vandalismo che segna l’ennesimo atto di insofferenza e mancanza di accoglienza nei confronti dei giovani. Questo è un atto di violenza e intolleranza che non si addice a coloro che si battono per una sensibilità maggiore nei confronti degli animali” – spiega la ‘minisindaca’ – “La statua deturpata verrà immediatamente restaurata ma l’opera ha svolto al meglio il suo ruolo di accendere una discussione su temi come il consumo di carne, il rapporto tra uomini e animali allevati a scopo di consumo ma soprattutto su come le istituzioni possano offrire spazi di protagonismo ai giovani della nostra città“.

(Visited 228 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago