Roma

Roma, oli esausti nelle fogne. Commercianti aiutati da dipendenti Ama VIDEO

Condividi

Roma. Due donne gettano decine di litri d’ olio da frittura esausto nel tombino di una fontanella aiutate da quattro spazzini dell’Ama. Il video che riprende la scena, pubblicato in esclusiva da Leggo, è stato acquisito anche dalla polizia municipale del II gruppo Parioli.

VIDEO LEGGO – Oli esausti nelle fogne sotto gli occhi dell’Ama

Un’operatrice titolare del banco friggitoria del mercato settimanale del  mercato XVII Olimpiade, e una dipendente sono state denunciate per reato d’ inquinamento ambientale. Le due donne hanno gettato decine di litri d’ olio da frittura esausto nel tombino di una fontanella aiutate da quattro spazzini dell’Ama. 

Rifiuti, nuovo contratto Ama: se la città è sporca, pagheranno i dirigenti

Al momento i dipendenti della municipalizzata del Campidoglio non sono stati ancora identificati ma nei prossimi giorni la procura di Roma disporrà l’audizione dei capi zona che attraverso il registro dei turni settimanali degli operatori ecologici addetti alla pulizia del mercato risaliranno ai complici del reato.

Tor Sapienza, Roma. Rimossa grande massa di rifiuti

La polizia locale di Roma Capitale ha sequestrato l’area verde di circa cento metri quadri intorno alla fontanella: dopo le analisi chimiche è risultata fortemente contaminata da olio saturo altamente inquinante.

Rifiuti, assemblea cittadina Delberiamo Roma #Mirifiuto

Le immagini del video sono state girate venerdì 29 marzo dai residenti del Villaggio Olimpico che hanno commentato:  “È sconcertante vedere i dipendenti dell’Ama agevolare tali condotte invece di reprimerle e pulire la nostra zona  piena di rifiuti ingombranti in ogni angolo. Una scena che continua a ripetersi.  Hanno creato un danno ambientale ed ora è giusto che paghino”.

 

(Visited 463 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago