Nella Capitale un Natale all’insegna della sostenibilità e degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu. L’allestimento e l’accensione del tradizionale albero a piazza Venezia diventano l’occasione per rivendicare la lotta per l’ambiente e contro la povertà.

Il Natale 2021 di Roma è all’insegna della sostenibilità. L’allestimento e l’accensione del tradizionale albero a piazza Venezia, infatti, quest’anno sono un’occasione per rivendicare gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu. All’evento, insieme al sindaco Roberto Gualtieri, hanno partecipato anche il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, Enrico Giovannini, il direttore generale della Fao, Qu Dongyu e la presidente di Acea, Michaela Castelli.

Accanto al grande albero di Natale sono stati allestiti 17 pacchi che ricordano gli obiettivi dell’Agenda 2030 e quelli collegati all’impegno della Fao: lotta ai cambiamenti climatici, fine della povertà e della fame, gestione delle risorse naturali, uguaglianza di genere, sostenibilità delle città e delle comunità. Su ogni pacco è presente un codice QR che rimanda ad azioni concrete da svolgere, a partire dai giorni delle festività natalizie. Gli obiettivi dell’Agenda 2030 saranno presenti anche sulla base degli alberi di Natale che Acea ha installato in 14 diversi Municipi. Inoltre, a piazza Venezia sarà aggiunto un nuovo pacco dedicato ai bambini e illustrato dall’artista Lorenzo Terranera: rappresenterà la possibilità di realizzare semplici azioni da fare a casa o a scuola per contribuire ad un futuro sostenibile.

Cinghiali a Roma, Gualtieri: “Recintiamo i Parchi per tenerli lontani dalle strade”

Un Natale all’insegna della luce e della sostenibilità, che punta ad unire il periodo festivo a un momento di riflessione rispetto agli obiettivi che l’Onu ha individuato per garantire un futuro migliore a tutti noi, a partire dai più piccoli“, ha spiegato Roberto Gualtieri. Il ministro Enrico Giovannini ha invece dichiarato: “Il Natale all’insegna degli obiettivi dello sviluppo sostenibile è un messaggio importante per tutti e in particolare per le giovani generazioni, un messaggio di fiducia per un futuro diverso e migliore“.

Michaela Castelli ha spiegato: “Con le tradizionali luminarie natalizie, Acea conferma la sua vicinanza alla città e l’attenzione alla valorizzazione del patrimonio architettonico di Roma“. Qu Dongyu ha invece sottolineato “l’importanza di lavorare insieme per rendere la nostra società più sostenibile, verso una produzione, una nutrizione, un ambiente e una vita migliori per tutti, senza lasciare nessuno indietro“.

Articolo precedenteNon solo Covid, politica e sport riguadagnano spazio sui media
Articolo successivoIl treno veloce arriva in Sicilia, Palermo e Catania più “vicine”