AnimaliAttualitàRoma

Roma, un’istrice in giro per via Cipro: l’animale catturato e affidato ai volontari della Lipu

Condividi

Roma, non solo cinghiali: in via Cipro, zona centrale della Capitale, è comparsa un’istrice. L’animale, confuso e spaventato, è stato catturato e affidato ai volontari della Lipu.

Se i cinghiali a Roma sono così diffusi da essere ormai perfettamente integrati nel contesto urbano, fa notizia l’avvistamento di un’istrice in via Cipro, zona centrale della Capitale a due passi dal Vaticano. È successo ieri e molti passanti, tra cui il giornalista Luca Telese, hanno documentato l’insolito incontro ravvicinato.

 

L’animale appariva confuso e spaventato, come è possibile notare dagli aculei particolarmente eretti (un meccanismo di difesa naturale che viene innescato quando questa specie si sente sotto stress o in pericolo). L’istrice ha iniziato ad aggirarsi tra le auto parcheggiate, poi ha attraversato la strada ed è riuscita anche a entrare in alcuni negozi della zona. Immediato l’intervento dei vigili urbani del I Gruppo ‘Ex Prati’.

Plastica, ciclista salva un cane con la testa incastrata in una bottiglia: la gioia incontenibile dell’animale

Non senza difficoltà, gli agenti della Polizia Locale Roma Capitale sono riusciti a bloccare l’istrice, evitando problemi al traffico o all’incolumità dei passanti. Una volta messa in sicurezza, l’istrice è stata affidata alle cure del CRFS Lipu. I volontari, insieme ai veterinari, si stanno prendendo cura dell’animale e dovranno poi reinserirlo nel suo habitat naturale. Resta da capire la provenienza dell’istrice e perché sia arrivata in una zona così centrale, caotica e trafficata.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago