“Sono davvero felice di presentare alla città la nuova Giunta comunale. Una squadra di alto profilo, sei donne e sei uomini che con grande impegno lavoreranno per rilanciare Roma”. Sono queste le parole del sindaco di Roma Roberto Gualtieri che oggi ha annunciato ufficialmente alla sala della Protomoteca del Campidoglio i nomi che faranno parte della Giunta comunale di Roma.

La giunta di Roberto Gualtieri, sindaco di Roma.

  • Silvia Scozzese – Vice Sindaco e Assessore al Bilancio
  • Sabrina Alfonsi – Assessore all’Agricoltura. Ambiente e Ciclo dei Rifiuti
  • Andrea Catarci – Assessore al Decentrarnento partecipazione e servizi al territono per la città dei 15 minuti
  • Barbara Funari – Assessore alle Politiche Sociali e alla Salute
  • Miguel Gotor – Assessore alla Cultura
  • Monica Lucarelli – Assessore alle Attività Produttive e alle Pari Opportunità
  • Alessandro Onorato – Assessore ai Grandi Eventi, Sport e Turismo
  • Eugenio Patanè – Assessore alla Mobilità
  • Claudia Pratelli – Assessore alla Scuola. Forrnazione e Lavoro
  • Ornella Segnalini – Assessore ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture
  • Maurizio Veloccia – Assessore all’Urbanistica
  • Tobia Zevi – Assessore al Patrimonio e alle Politiche abitative

Il sindaco mantiene le deleghe a: Attrazione Investimenti, Clima, Partecipate, Personale PNRR, Relazioni Internazionali, Sicurezza, Transizione digitale e Università.

“Da oggi comincia un cammino di cinque anni per rispondere ai bisogni dei cittadini, per costruire il futuro di Roma e cogliere le opportunità straordinarie che abbiamo davanti: il PNRR, il Giubileo, la candidatura ad Expo 2030”.

“Saremo una squadra concreta, che cercherà di parlare il più possibile con i fatti. – conclude Gualtieri – Metteremo tutta la nostra energia e tutta la nostra determinazione al servizio di Roma e del suo rilancio” .

Articolo precedenteCop26, Johnson: “Siamo alla resa dei conti”. Ma poi ‘assolve’ la Cina e altri Paesi inquinanti
Articolo successivoCop26, boom di jet privati. Anche Johnson lo usa e va a Londra per una cena con i negazionisti climatici