Roma, il blitz di Greenpeace sotto la sede Eni. Nel laghetto dell’Eur gli attivisti protestano con la riproduzione di un iceberg che si scioglie.

In DIRETTA dal quartier generale Eni a Roma, ecco cosa sta succedendo

Basta greenwashing“. Un blitz di Greenpeace è in corso questa mattina a Roma, sotto il quartier generale di Eni. Gli attivisti, in kayak al laghetto dell’Eur, hanno aperto striscioni di protesta e sfoggiato anche la riproduzione galleggiante di un iceberg che si scioglie. Una protesta simbolica che rappresenta “i drammatici impatti dell’emergenza climatica”.

Eni e la protezione delle foreste, Greenpeace e ReCommon: “Solo greenwashing”. Il report

La protesta di Greenpeace arriva alla vigilia dell’assemblea dei soci di Eni. L’azienda viene accusata di continuare ad estrarre ed utilizzare gas fossile e petrolio. “Vogliamo svelare il bluff di Eni, che punta sul greenwashing per continuare a estrarre e bruciare impunemente gas e petrolio, spedendoci sempre più veloce verso la crisi climatica”, spiegano gli attivisti.

 

“Il greenwashing è un killer del clima”, “Eni: gas, luce e crisi climatica” e “Eni, l’idrogeno blu pagalo tu”, recitano gli striscioni esposti dagli attivisti di Greenpeace.

 

Articolo precedenteA marzo in lieve calo la produzione industriale
Articolo successivoBanca Popolare Sant’Angelo, un annullo postale speciale per i 101 anni