Roma

Roma, fotocopiatrici gettate nel parco pubblico di Acilia VIDEO

Condividi

Rifiuti Roma. Più di 10 fotocopiatrici, rifiuti speciali e pericolosi, gettate via illegalmente nel parco pubblico di Acilia. Le hanno ritrovate i vigili urbani, risaliti anche ai colpevoli, in 48 ore di indagini. Raggi sulla pagina Fb: “Un “bel regalo” da parte di alcuni zozzoni che gli agenti del reparto Pics-Ambiente hanno individuato e denunciato”.

Individuati e denunciati zozzoni che hanno inquinato il parco di via Bepi Romagnoli

Più di dieci fotocopiatrici industriali (rifiuti speciali e pericolosi, lo ricordo) sono state buttate all’interno del parco di via Bepi Romagnoni: un “bel regalo” da parte di alcuni zozzoni che gli agenti del reparto Pics-Ambiente hanno individuato e denunciato. L’indagine – resa possibile grazie alla collaborazione delle case costruttrici degli apparecchi – è stata effettuata in tempo record: sono bastate solo 48 ore per identificare i mandanti e gli autori dello sversamento. Attraverso un lavoro di analisi delle transazioni economiche, gli agenti del nucleo Pics Ambiente sono riusciti a ricostruire la catena degli acquirenti temporanei, fino al magazzino dove queste stampanti erano state stoccate in attesa di uno smaltimento o di un eventuale riutilizzo.Al termine del sopralluogo l’intera area che, purtroppo, ha subito l’ennesima violenza da parte di alcuni incivili, è stata posta sotto sequestro. I controlli e le operazioni dei nostri agenti della Polizia Locale sono importantissime e, per questo, li ringrazio per il lavoro che svolgono ogni giorno. Questo tuttavia non basta: è infatti fondamentale che a questo si accompagni l’impegno di ognuno di noi. Vogliamo riportare ordine e pulizia nella aree verdi della nostra città e, così, cambiare direzione. Insieme.

Pubblicato da Virginia Raggi su Venerdì 19 aprile 2019

Rifiuti, assemblea cittadina Delberiamo Roma #Mirifiuto

Rifiuti, nuovo contratto Ama: se la città è sporca, pagheranno i dirigenti

Più di dieci fotocopiatrici industriali, classificate come rifiuti speciali e pericolosi, sono gettate tra il verde del parco di Via Bepi Romagnoni, ad Acilia.  Le hanno trovate i vigili urbani, che in una indagine durata 48 ore hanno potuto identificare gli autori dell’illecito, denunciandoli.
Gli agenti del nucleo Pics Ambiente, analizzando le transazioni economiche, grazie anche alla collaborazione delle case costruttrici degli apparecchi, sono riusciti a risalire agli acquirenti temporanei. Ora l’intera area è sotto sequestro.

Roma, oli esausti nelle fogne. Commercianti aiutati da dipendenti Ama VIDEO

Rifiuti Roma, Raggi accelera sul divieto delle plastiche monouso

La notizia è stata diffusa sindaco di Roma Virginia Raggi, sulla pagina Facebook. “Un ‘bel regalo’ da parte di alcuni zozzoni” così ha commentato il sindaco nel suo post.

(Visited 66 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago