RomaVideo

Roma Ecologista, Raggi e Di Battista aprono la campagna elettorale della lista ecodigital

Condividi

“Grazie per aver creato una lista che punti nella direzione della digitalizzazione e sostenibilità perché è questo il futuro di Roma ed insieme possiamo scriverlo”. La sindaca di Roma, Virginia Raggi, e Alessandro Di Battista, ex M5S, aprono la campagna elettorale della lista ecodigital Roma Ecologista.

Parte la campagna elettorale di Roma Ecologista, la lista ecodigital a sostegno di Virginia Raggi che ha come obiettivo  di coniugare il concetto di sostenibilità con quello di innovazione e indirizzare Roma verso una transizione ecologica ed energetica. Ad aprire la campagna la sindaca di Roma e Alessandro Di Battista, ex movimento 5 stelle.

Roma Ecologista, Di Battista firma la lista ecodigital a sostegno di Virginia Raggi

“Noi abbiamo in questi anni avviato un cambiamento che, non avendo la bacchetta magica ma solo la fascia da sindaco, non ho potuto concludere in 5 anni. Dobbiamo andare avanti puntando in maniera decisa sui temi dell’ecologia, della sostenibilità e della digitalizzazione. – afferma la sindaca di Roma, Virginia Raggi – Oggi i fondi del PNRR che stanno per atterrare su Roma fanno gola. Se noi non ce la mettiamo tutta per completare quella trasformazione che abbiamo iniziato non si torna indietro di 5 anni ma di 20 anni. E tutti quei fondi che ci da l’Europa andranno a finire nelle tasche di qualcuno, perché i partiti lavorano cosi. Quei soldi sono dei cittadini e noi dobbiamo investirli per migliorare la nostra città”.

“Il fatto che come sapete io non abbia condiviso per me molte scelte del Movimento 5 Stelle in ambito nazionale, non significa che io non sostenga la Raggi in questa  candidatura. – afferma Alessandro Di Battista, ex M5s, presente all’apertura della campagna elettorale della lista ecodigital Roma Ecologista da lui sostenuta –  Roma si dimentica quel che era e gli scempi che c’erano prima che arrivasse Virginia. Vorrei sapere qual è un’opera pubblica che ha portato avanti la sindaca e che sia stato uno sperpero di denaro pubblico. Non è stato fatto tutto in 5 anni, ovvio, però vorrei capire qual è il sistema corruttivo che è stato implementato”.

“Ritornare con la mente a 5 anni fa a quello che era la città fa capire la ragione per quale noi romani e io romano voterò Virginia Raggi. – conclude Di Battista – Penso che Virginia meriterebbe un secondo mandato e ritengo che anche Roma meriterebbe un secondo mandato di Virginia Raggi come sindaca della città”.

Presenti i due garanti della lista, Angelo Consoli, direttore dell’ufficio europeo di Jeremy Rifkin, ispiratore del Green New Deal, e Jacopo Mele, esperto e garante della parte digital, uno dei 30under 30 europei di Forbes.  

Roma Ecologista, Consoli garante della lista a sostegno della Raggi: “Si ispira al Green Deal”

Jeremy Rifkin ha incontrato lo scorso anno la Raggi quando è venuto a presentare il suo libro ‘Green New Deal Globale’ e da quel momento è iniziato un dialogo. Dal punto di vista ecologico il suo governo è stato molto più avanzato di tutti quelli che ci sono stati prima e nell’attuale panorama non c’è partita.  – dichiara Angelo Consoli a TeleAmbiente – Questa lista propone un vero e proprio Green Deal per Roma. Più consenso avrà questa lista più forte sarà la Raggi per portare avanti le nuove politiche energetiche che ci dice l’Europa, come l’idrogeno. La mia funzione di garante sarà quella di dire sempre la verità”.

“E’ fondamentale una lista eco-digital perché sono due parole chiave per il nostro futuro e per trasformare Roma in una capitale europea riconosciuta a livello internazionale. – afferma Jacopo MeleNon possiamo non avere una capitale digitale, continuare con il mandato Raggi ci consente di proseguire con quanto già seminato in termini di innovazione e rendere Roma una città a portata d’uomo”.

Abbiamo fatto un grande lavoro mettendo su una lista formata da 48 candidati partendo da zero e in così poco tempo. – afferma il capolista Alessandro Bianchi che ha aperto la presentazione della campagna elettorale della lista ecodigital – Ripartire da qui con un programma più serrato e incisivo nella prossima sindacatura e far vedere ai romani cosa significa una svolta ecologista. Tra i nostri obiettivi quello di pensare al centro e alla periferia come unica città“. 

Parte anche in elettrico la campagna elettorale di Roma Ecologista grazie alla partecipazione di Nino Geraci, candidato alla lista ecodigital, fonder di XMove e promotore del progetto #EViaggioItaliano.

“Il mio supporto è quello di cercare di spingere la mobilità elettrica, quella sostenibile, cercando di trovare soluzioni più innovative per Roma. – afferma Nino GeraciC’è bisogna come prima cosa di infrastrutture e di migliorare quelle attuali. Serve poi informazione ed educazione alla mobilità elettrica perché così i cittadini hanno più interessa ad avvicinarsi a questa nuova soluzione”.

Elezioni, presentata la lista Roma Ecologista. Raggi: “La capitale leader della transizione ecologica e digitale”

Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione UniVerde e sostenitore della lista, annuncia un prossimo appuntamento il  23 settembre con Francesco Mezzatesta, candidato alla lista Roma Ecologista, tra i fondatori della  LIPU. Si parlerà anche di Expo2030 e si cultura e innovazione.

Stiamo cercando riferimenti sul cambiamento climatico dagli altri candidati ma non c’è nulla. Noi siamo qui per dare aiuto e supporto a questa candidatura. In tema di rifiuti stiamo lavorando su come ridurli e trattarli, e sul tema riforestazione su come adattare la città al cambiamento climatico”, afferma Lapo Sermoni, tra i capilista di Roma Ecologista.  E annuncia un altro importante appuntamento: “Il 26 settembre in squadre da 6 si lavorerà per piantare 20 alberi a testa per dar vita al primo tratto del Grande raccordo boschivo,  un muro verde  su un terreno che affaccia sul raccordo, che possa aiutare a difenderci dal cambiamento climatico. Un’iniziativa per dimostrare che facciamo sul serio”.

(Visited 133 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago