È stato presentato in Campidoglio il Progetto Roma Sicura che prevede la costruzione di un sistema di dighe lungo gli affluenti del Tevere per evitare le sue piene. 

È stato presentato ieri in Campidoglio il Progetto Roma Sicura, che ha lo scopo di ridurre il rischio di piene del Tevere costruendo dighe lungo i suoi affluenti.

Su uno in particolare – il fiume Paglia – è prevista la realizzazione di un sistema di invasi che porterebbe a un intervento sulla messa in sicurezza idraulica del fiume.

Roma, Municipio VI: no al Revamping del TMB Ama di Rocca Cencia

Un sistema di piccole dighe che servirà a regolare il flusso di acqua verso il Tevere per uno dei suoi principali affluenti, caratterizzato da “colmi di piena e bassi valori del deflusso”, come è stato spiegato durante la presentazione del Progetto.

Il progetto prevede un sistema di piccole dighe di contenimento, di laminazione che a partire dall’Umbria, lungo il tracciato del fiume Paglia, impediscono all’acqua di travolgere a valle, e proteggono un territorio molto largo da inondazione fino alla Capitale.

Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, intervenendo durante la presentazione del progetto Roma Sicura, ha parlato di un’opera di “grandissimo livello strategico” perché oltre che a lavorare sulla messa in sicurezza del fiume permetteranno anche di immagazzinare l’acqua per essere poi usata per l’irrigazione.

Progetto Roma Sicura, aperta la gara d’appalto

La gara d’appalto per l’aggiudicazione dei lavori di costruzione del sistema di dighe lungo il fiume Paglia è stata appena aperta.

“L’auspicio – ha dichiarato il Sindaco Roberto Gualtieri – è che questo importantissimo intervento vada a buon fine nei tempi più rapidi possibile, affinché non si sommino ritardi e fragilità storiche con la maggiore brutalità delle conseguenze dei cambiamenti climatici”.

Fotovoltaico nel Lazio, mega progetto per dare energia pulita a 63mila famiglie

Articolo precedenteStrage di tartarughe: 15 esemplari di Caretta Caretta morti in un solo mese in Campania
Articolo successivoCosta Rica, i giovanissimi sub che difendono il mare