Roma

Roma, decisi gli aumenti dei biglietti di bus e metro, ticket a due euro

Condividi

La Regione Lazio e Trenitalia hanno concordato gli aumenti dei biglietti in vigore dal 2022, il ticket giornaliero arriverà a 2 euro, aumenti anche per gli abbonamenti.

Da un euro e mezzo a due. Non succederà domani, ma anche per i romani arriverà il temuto aumento del Bit, il biglietto integrato a tempo che rende possibile utilizzare il trasporto pubblico per 100 minuti, con un solo viaggio sulla metropolitana. Il rincaro è previsto nel contratto di servizio siglato nel maggio 2018 fra Trenitalia e la Regione Lazio.

 

A far data dal 1 agosto 2023, con prevendita degli abbonamenti dal 25 luglio 2023, per i biglietti e gli abbonamenti di cui alle tabelle, i prezzi saranno così modificati”, recita il contratto a pagina 118. Segue il nuovo prezzario: Bit 2 euro, biglietto Roma 24 ore 9 euro e 30 centesimi, biglietto Roma 48 ore 16 euro e 70 centesimi, biglietto da 72 ore 24 euro, mensili ordinari 46,70 euro.

Arriva a Roma l’app “Too Good To Go” per combattere gli sprechi alimentari

In Regione confermano, specificando che l’aumento sarà operativo solo con una delibera di giunta. ” Abbiamo concordato con Trenitalia che gli aumenti scatteranno solo dopo l’arrivo dei nuovi treni e con una certa gradualità, di pari passo con il miglioramento del servizio ” , spiega l’assessore regionale alla Mobilità Mauro Alessandri.

Per il Metrebus Lazio gli aumenti partiranno dal 1 gennaio 2022, con prevendita degli abbonamenti dal 25 dicembre 2021.

Roma, Spelacchio sta per tornare. Netflix vince il bando per addobbarlo

Per i romani l’ultimo rincaro è scattato il 25 maggio 2012, quando il Bit è passato da un euro per 60 minuti di servizio a un euro e mezzo per 100 minuti.

(Visited 96 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago