Home Good News Roma, Dante sulla campane del vetro. Un’iniziativa artistica di decoro urbano

Roma, Dante sulla campane del vetro. Un’iniziativa artistica di decoro urbano

L’idea, promossa dall’associazione culturale Progetto Goldstein e sostenuta dal Comune, è quella di rappresentare i 34 Canti dell’Inferno su altrettante campane per la raccolta del vetro. Con l’obiettivo di portare il Sommo nella vita di tutti i giorni. 

Si chiama “GAU, Gallerie Urbane” di Città Ideale, ed è il progetto che ha portato Dante Alighieri sulle campane per la raccolta del vetro. Diverse opere di street art ispirate al lavoro del Sommo Poeta sono comparse sulle tipiche campane verdi del quartiere Aurelio di Roma.

Il progetto – promosso dall’associazione culturale Progetto Goldstein, sta trasformando in opere artistiche 34 campane per la raccolta differenziata del vetro. Tutte a tema Dante e Divina Commedia.


L’iter dantesco negli inferi diventa un viaggio nella… selva oscura della raccolta differenziata di Roma. Si tratta di un progetto voluto e sostenuto dal Campidoglio che ha assegnato ai vincitori dell’avviso pubblico triennale Contemporaneamente Roma, curato dal Dipartimento Attività Culturali, e realizzato in collaborazione con la Siae, il compito di lavorare per migliorare il decoro urbano della Capitale.

Gli artisti chiamati a portare Dante sulle strade di Roma sono 34, come i Canti dell’Inferno della Commedia. A ognuno di loro è stata assegnata una campana, un Canto dell’Inferno e il compito di metterlo in scena attraverso l’arte. 

Ex Ilva, su un palazzo di Taranto il murales del ragazzo morto di tumore

“Gli artisti lavoreranno sui 34 canti dell’Inferno, attualizzandoli attraverso la peculiarità del proprio linguaggio artistico – spiega la direttrice artistica Alessandra Muschella – reinterpretando simboli, luoghi e personaggi della Divina Commedia in chiave contemporanea. Il progetto si pone come obbiettivo quello di sensibilizzare i cittadini sull’importanza della raccolta
differenziata, rendendo protagonista un materiale, il vetro, che andrebbe considerato come una risorsa e non come un rifiuto. La responsabilità verso l’ambiente non è più demandatile ma è un dovere che riguarda i futuro di tutti”. 

“Grazie agli street artist che in in questi giorni sono all’opera per le strade del 23esimo municipio – ha aggiunto Fabio Morgan, ideatore del progetto – riscriviamo un nuovo modello del vivere la città, che immaginiamo essere sempre più alla portata di tutte le persone”. 

Rifiuti, la street art contro l’inquinamento da mascherine: l’opera di Andrea Villa nelle strade di Torino

La Divina Commedia di Dante sulle campane del vetro: i nomi degli artisti

A firmare le Campane d’Artista saranno 34 artisti italiani ed esteri: Moby Dick, Giusy Guerriero, Dez, Marta Quercioli, Zara Kiafar, Tito, Violetta Carpino, Kiddo, DesX, Yest, Er Pinto, Olives, Lola Poleggi, Kenji, BloodPurple, Lady Nina, Orgh, Teddy Killer, Valerio Paolucci, Wuarky, Karma Factory, Muges147, Maudit, Hoek, Alessandra Carloni, Cipstrega, Molecole, Korvo, Alekos Reize e Gojo.

Il mare restituisce bottiglie di plastica e un’ong ci costruisce una balena gigante

Articolo precedente“Un albero per ogni neonato”, Fareambiente rilancia una legge del 1992 mai applicata
Articolo successivoUn albero per il futuro, 50 mila piantine per educare alla legalità ambientale