CulturaRoma

Roma, #laculturaincasa su web e social. Tutti gli appuntamenti dal 27 al 29 marzo

Condividi

Roma Capitale della cultura, aderendo alla campagna #iorestoacasa, prosegue le attività su web e social con il programma #laculturaincasa. Sono tanti gli appuntamenti, gli approfondimenti e i video messi a disposizione online per tutti, per tutta Italia, in questo periodo. 

Questi alcuni dei contenuti digital disponibili dal weekend di venerdì 27sabato 28 e domenica 29 marzo.

Il canale social @culturaaroma darà aggiornamenti quotidiani con gli hashtag #iorestoacasa e #laculturaincasa e per i contenuti dedicati ai bambini e ai ragazzi con #laculturaincasaKIDS.

 

  • MUSEI CIVICI.  Nell’ambito dell’iniziativa Io resto a casa e disegno il pleistocene del Museo di Casal de’ Pazzi, continua il contest per bambini e ragazzi #Un mondo scomparso.

C’è tempo fino a domenica 29 marzo per inviare i propri disegni dedicati all’età pleistocenica di 200.000 anni fa e tentare di vincere un libro dedicato alla preistoria. Basterà inviare le proprie composizioni all’indirizzo e-mail info@museocasaldepazzi.it oppure postarli sulla pagina facebook del Museo e attendere la proclamazione del vincitore con più like in programma lunedì 30 marzo. 

Sempre in tema di contest, #FinestresuRoma realizzato in collaborazione con Sapienza Università di Roma – Facoltà di Lettere e Filosofia (corso di laurea in Storia dell’arte) e Master Digital Heritage. Cultural Communication Through Digital Technologies.

Con gli scatti di ciò che si vede dalla propria finestra di casa si contribuirà a costruire un racconto collettivo di questo momento particolare della nostra città, fatto di luoghi, storie e monumenti.

Nel corso del fine settimana, saranno sempre attivi e disponibili i cinque tour virtuali dei Musei Civici, in lingua italiana e inglese, per scoprire da vicino, attraverso mappe interattive, le sale e le opere dei Musei Capitolini, Mercati di Traiano – Museo dei Fori imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Museo Napoleonico e il Casino Nobile dei Musei di Villa Torlonia.

Così come non cesserà l’attività divulgativa dei canali social: i Musei in Comune racconteranno le loro collezioni, si scopriranno le particolarità delle mostre in corso all’interno dei Musei, mentre la Sovrintendenza Capitolina offrirà una panoramica dei monumenti sul territorio romano.

Sempre a disposizione dell’utente, inoltre, la piattaforma online www.google.com/artproject sviluppata dal Google Cultural Institut, attraverso la quale si potranno ammirare le immagini ad alta risoluzione delle opere più importanti di quindici dei nostri musei partner (Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Mercati di Traiano, Museo dell’Ara Pacis, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo della Civiltà Romana, Museo delle Mura, Museo di Roma, Museo Napoleonico, Casa Museo Alberto Moravia, Galleria d’Arte Moderna, Museo Carlo Bilotti, Museo Pietro Canonica, Museo di Roma in Trastevere, Musei di Villa Torlonia) e, per 12 di questi musei, si potranno visitare virtualmente le sale grazie alla tecnologia Street View.

Turismo sostenibile, “non è importante dove si viaggia ma come”. Intervista alla travel blogger Valentina Miozzo

  • PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI. Continua il progetto #IPianiDelPalazzo online sul sito e sui social media di Palazzo delle Esposizioni.

Oltre agli approfondimenti sulle mostre di Gabriele BasilicoMetropoli, e di Jim Dine, si potrà assistere a tutte le conferenze della rassegna La Democrazia dello Sguardo su tecniche e storie della fotografia.

Con l’hashtag #PdERemix rivivranno l’archivio delle mostre, le attività dai quaderni operativi e le conferenze scientifiche del Palazzo delle Esposizioni. Per i più piccoli, consigli di lettura dello “Scaffale d’Arte” e le proposte di laboratori “Fatti in Casa” dal libro “Arte in Carte” (ed. Fatatrac), a cura del Laboratorio d’arte.

Inoltre, venerdì 27  alle 10.00 la curatrice Giovanna Calvenzi parla delle metropoli di Gabriele Basilico sul sito del PDE.

Se Milano è stata la palestra ove Gabriele Basilico ha iniziato ad allenare il proprio sguardo per indagare e decifrare il corpo delle città, il mondo intero è stato successivamente il suo campo di ricerca; sabato 28 alle 10.00 la curatrice Daniela Lancioni parla della grande retrospettiva di Jim Dine e in particolare della terza sala dove sono raccolte tutte opere del 1962/1963.

Non si tratta più di quadri nel senso stretto della parola, assomigliano, invece, alle pareti di una stanza ed ancora domenica 29 alle 10.00 sarà la volta di Arte in carte, laboratorio per i più piccoli che prevede un’attività dedicata alla natura con la carta Mimetizziamoci.

 

  • MACRO.  Nel weekend tre nuovi appuntamenti di JOMO – JOY OF MISSING OUT sul suo canale IGTV.

Sulle orme del museo immaginario di André Malraux, artisti, musicisti, poeti, architetti, sono chiamati a produrre dei contributi originali, componendo così un unico grande racconto che intende gli spazi digitali come un’estensione del museo. Il progetto parte dai limiti imposti dall’attuale stato di eccezione per avviare opportunità alternative di produzione di contenuti, offrendo visioni provenienti da diverse parti del mondo.

Venerdì 27 è la volta di Neighbourhood hen, il contributo inviato da Nicosia dell’artista Phanos Kyriacou (classe 1977, tra i protagonisti del Padiglione Cipriota e Lituano alla Biennale di Venezia del 2013). Sabato 28 segue da Atene con EtherealSunrise.com l’artista e “psicogeografo di internet” Angelo Plessas (classe 1974, tra gli artisti di Documenta 14 ad Atene e Kassel).

Domenica 29 invia il suo contributo da Lisbona, Letter for this time, l’artista Ana Jotta (classe 1946, tra le sue più recenti mostre internazionali la Biennale di Liverpool del 2016).

Coronavirus, le nuove foto satellitari sulla riduzione dell’inquinamento in UE

  • TECHNOTOWN. In questo weekend bambini, ragazzi e famiglie troveranno interessanti stimoli creativi nel partecipare da casa alle sfide a distanza proposte con il progetto Techno@Home di Technotown, lo spazio per bambini e ragazzi dedicato alla creatività e alla scienza dell’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura.

Si gioca utilizzando oggetti comuni a portata di mano, partecipando singolarmente o in squadre e mettendo in gioco la propria fantasia, logica e creatività.

Venerdì 27 si costruiranno vecchie invenzioni utilizzando i classici mattoncini Lego in LegoCreations. Sabato 28 si giocherà con la moda in LenzuoloStyle e con le opere d’arte conservate nei musei civici proposte da Art@Home.

Domenica 29 saranno gli stessi partecipanti a scegliere la sfida, tra le tante proposte, nella quale cimentarsi. Tutte le info per partecipare, il calendario giornaliero delle sfide e la classifica aggiornata della Hall of Fame dei vincitori si trovano sul sito www.technotown.it.

 

  • AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA – FONDAZIONE MUSICA PER ROMA. Questo weekend per i podcast di Auditorium Parco della Musica vedremo protagonisti: Led Zeppelin con lezioni di rock, per la sezione invece “grandi incontri” si potrà riascoltare sabato Serena Dandini con “Fisiche, femminile plurale”, incontro di un anno fa durante il National Geographic Festival delle Scienze. La domenica è dedicata come sempre alla scoperta degli spazi dell’Auditorium Parco della Musica.

 

  • CASA DEL JAZZ. Nel palinsesto social della Casa del Jazz continuano i contributi live dei jazzisti anche nel weekend. Saranno ospiti sulle piattaforme Facebook, Twitter e Instagram: Paolo Fresu, Simone Alessandrini e Marcello Piras con una lezione dedicata alla storia della composizione “Egdon Heath” di Bill Russo eseguita dalla leggendaria Orchestra di Stan Kenton. Un mirabile intreccio tra Jazz e Letteratura.

 

  • TEATRO DI ROMA. Il fine settimana del Teatro di Roma offre al pubblico di spettatori-utenti un palinsesto di iniziative digital su tutti i suoi canali social (Facebook, Instagram, YuoTube), per portare virtualmente a domicilio il meglio della creatività e della scena contemporanea.

Con #TdRonline, per la campagna #iorestoacasa e #laculturaincasa, sabato 28 marzo alle 21 il direttore Giorgio Barberio Corsetti dialoga con Alessandro Serra, il regista del Giardino dei ciliegi di Cechov, ultimo spettacolo programmato all’Argentina prima della chiusura per l’emergenza Covid-19.

È da quel momento che si vuole idealmente ripartire con un confronto fra due artisti sui classici, sulla loro reinvenzione, sulle possibilità e le domande che aprono, e su come sia possibile farne materia viva del presente.

Domenica  29 marzo alle 16 appuntamento con Ècchelo, omaggio poetico a Victor Cavallo, a vent’anni dalla sua scomparsa, avvenuta nel gennaio del 2000, con la lettura di poesie a cura di Alessandra Vanzi.

Un itinerario in versi sulle tracce dell’attore e poeta romano dalla prosa tellurica e straripante di umanità, che si agitava caotica fra le sue righe.

La lettura sarà preceduta da una conversazione tra Alessandra Vanzi e Graziano Graziani, per raccontare un artista fuori dai canoni, un “poeta sovversivo e ribelle, attore stalker e centrocampista anarcosorcosituazionista”.

Per intrattenere il pubblico dei più piccini e dei ragazzi venerdì 27 e domenica 29 alle 21 la magia delle Fiabe della buonanotte di Fabrizio Pallara ed anche  domenica 29 alle 11 il programma di giochi di teatro e il tutorial del Laboratorio Integrato Piero Gabrielli per la creazione condivisa di una canzone e video clip.

 

  • SANTA CECILIA. Su www.santacecilia.it e sui social dell’Accademia, venerdì 27 alle 20.30 Pappano e l’Orchestra ceciliana si esibiscono in un programma dedicato a Beethoven con l’Ouverture dall’Egmont, la Sinfonia n. 5 e il Concerto n. 3 per pianoforte interpretato da Francesco Piemontesi.

Sabato 28 alle 18 Pappano alla guida di Orchestra e Coro ceciliani, dirige il Concerto per due pianoforti di Martinů con Katia e Marielle Labèque e, sempre del compositore ceco, Memorial to Lidice.

Il concerto prosegue con il Gloria di Poulenc (solista Sally Matthews)e la Sinfonia Haffner di Mozart.

Collegandosi a www.santacecilia.it/onlineforkids i bambini e ragazzi troveranno pillole di pochi minuti registrate e montate per l’occasione, con attività musicali da fare a casa, materiale per lo studio della musica, tutorial e una piccola fiaba visibile a tutti. Inoltre, sempre sui social sono fruibili brevi video con gli artisti di Santa Cecilia e i cruciverba musicali.

Emergenza Coronavirus, in Olanda sms sui cellulari per rimanere a casa

  • TEATRO DELL’OPERA. Tre imperdibili appuntamenti nel fine settimana che va dal 27 al 29 marzo con il “Teatro digitale” dell’Opera di Roma.

Venerdì 27 marzo, sarà possibile ammirare The Bassarids, il capolavoro del compositore tedesco Hans Werner Henze che ha inaugurato la Stagione 2015-16 con la regia di Mario Martone e la direzione dell’Orchestra affidata a Stefan Soltesz.

L’opera, una magistrale riscrittura delle Baccanti di Euripide, ha conseguito il prestigioso Premio Abbiati come miglior spettacolo della stagione 2015.  Sabato 28, si prosegue con il capolavoro di Christoph Willibald Gluck che ha segnato il debutto di Robert Carsen al Teatro dell’Opera di Roma nel marzo 2019.

Orfeo ed Euridice, una delle più celebri rappresentazioni del mito di Orfeo, viene proposta in un raffinato allestimento, con uno stile essenziale e scarno, che permette meglio di incentrarsi sulla vicenda privata del protagonista.

Domenica 29, invece Madama Butterfly andata in scena tra le rovine delle Terme di Caracalla durante la stagione estiva 2015.

Sarà possibile godere del capolavoro in tre atti di Giacomo Puccini nel bellissimo allestimento firmato dal regista Àlex Ollé de La Fura dels Baus con un cast d’eccezione, senza tralasciare il Coro del Teatro dell’Opera nel sempre atteso coro a bocca chiusa dell’Atto II, diretto dal maestro Roberto Gabbiani.

 

  • BIBLIOTECHE. Nel weekend la Biblioteca Collina della Pace propone l’iniziativa Lib(e)ri in casa, un gioco pensato per valorizzare e tornare a leggere i libri presenti nelle nostre librerie casalinghe.

Un modo per creare un Circolo di lettura coinvolgendo gli utenti iscritti al Circolo di Collina della Pace e nel contempo aprire le porte a nuovi lettori.

Il lancio del gioco sarà curato dalla bibliotecaria Anna Lisa Pulizzi, coordinatrice del circolo, che ne spiegherà la regole e proporrà il primo libro della sua biblioteca personale.

A seguire, ogni lettore/lettrice potrà proporre un libro ripescato nella propria biblioteca, inviando contenuti e immagini tramite mail. Scrivere a a.pulizzi@bibliotechediroma.it e p.tinchitella@bibliotechediroma.it.

Tra le proposte ricevute, ne verranno pubblicate due a settimana in giorni prestabiliti, sulla nostra pagina FB https://www.facebook.com/bibliotecacollinadellapace

 

  • FONDAZIONE CINEMA PER ROMA. Prima e dopo il Virus: parla il cinema italiano è la nuova iniziativa realizzata dalla Fondazione e curata da Mario Sesti, che raccoglie in video le testimonianze di autori, produttori e attori del nostro cinema.

Nel corso delle video interviste, i protagonisti intervengono consigliando al pubblico film, serie, libri, esperienze, discutendo i modi in cui l’epidemia influenzerà e modificherà i racconti del cinema e, infine, immaginando le prime cose da fare non appena si potrà tornare alla vita di tutti i giorni.

Dopo il primo appuntamento con Carlo Verdone (https://youtu.be/0G1ExmuyZZY), tre nuove clip saranno condivise nel weekend a partire dalle 12 sul sito www.romacinemafest.org e attraverso i canali social della Fondazione @romacityfest con gli hashtag #CityFest, #IoRestoACasa, #LaCulturaInCasa: venerdì 27 parlerà Liliana Cavani, sabato 28 Cristina Donadio, domenica 29 Daniele Luchetti.

Sui social @romacinemafest continua la rubrica per rivedere o riscoprire, attraverso le piattaforme di streaming, i film delle passate edizioni della Festa del Cinema: venerdì 27 toccherà a The Prestige di Christopher Nolan, sabato 28 ad American Animals di Bart Layton. Domenica 29 sarà condiviso un omaggio alla regista Agnès Varda, a un anno dalla sua scomparsa.

Coronavirus, USA primo paese al mondo per numero di contagi. Ecco cosa sta succedendo

  • CASA DEL CINEMA.  Nel fine settimana grandi film:  venerdì 27 marzo Il terzo uomo, di Carol Reed (“La Cineteca del direttore”) e sabato 28 marzo La città delle donne, di Federico Fellini, che usciva proprio il 28 marzo di 40 anni fa (“Gli anniversari”) e giochi con il pubblico venerdì 27 proponendo il quiz 7 domande per 100 pistole” (c’è la programmazione di una rassegna in palio) e sabato 28  La parola al critico con i consigli della settimana di Antonio Monda.

Domenica 29 sarà all’insegna di altre preziose pillole video che ci anticiperanno l’incontro del lunedì successivo con la Cineteca Nazionale (e questa volta si parlerà di Alberto Sordi). E poi torneranno le citazioni famose nella rubrica “Domani è un altro giorno: le frasi più belle dai film”.

 

  • NUOVO CINEMA AQUILA. Per la serie #ildiariodellachiusura varie sono le proposte sui canali social facebook e instagram: ogni venerdì Diario renderà disponibili per la pubblica visione i cortometraggi che hanno trionfato alla prima edizione di ‘Free Aquila’, festival prodotto dalla sala stessa, il tutto per la durata di una settimana: fino a giovedì 3 aprile sarà visibile Bellavista di Lorenzo Silano, per la serie #icortidellaquila.

Sabato 28 sarà invece il turno del breve TG The Show Must Go On, notizie dall’Italia e dal Mondo sul complicato momento che sta passando l’industria cinematografica #theshowmustgoon.

Infine domenica 29 saranno consigliate le migliori pellicole scelte per i propri fedelissimi tramite sondaggi, dando massima precedenza a quelle visibili gratuitamente, per le quali verrà fornito direttamente il link per la visione #laquilaconsiglia #ilcinemalofaitu.

 

  • ROMA EUROPA FESTIVAL. L’esplorazione dell’archivio del Romaeuropa prosegue nel fine settimana sulla pagina Facebook del festival con pillole video e interviste agli artisti di fama internazionale: rappresentate del “nuovo circo” è, venerdì 27, la compagnia canadese Les 7 doigts che riascoltiamo nell’intervista realizzata durante il Romaeuropa Festival 2015 in occasione della presentazione in prima nazionale dello spettacolo Cuisine & Confessions.

Sabato 28, con un doppio salto nel passato, torniamo al Romaeuropa Festival 2012 per ritrovare Sasha Waltz in dialogo con il riallestimento del suo Travelogue I – Twenty to eight (performance creata nel 1993). Alla celebre coreografa è dedicata questa giornata con due altri approfondimenti e backstage realizzati, questa volta, in occasione della presentazione del suo Continu al Romaeuropa Festival 2013.

Domenica 29, infine, spazio al teatro italiano, con Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, nel racconto della creazione del loro Il Cielo non è un fondale presentato durante il Romaeuropa Festival 2016.

Continua l’appuntamento con #MEMOREF, il “gioco fotografico” che invita il pubblico più appassionato a riconoscere e rivivere gli spettacoli che hanno segnato la storia del festival attraverso gli scatti del fotografo Piero Tauro.

Attraverso Rai Play, infine, sarà possibile ripercorrere le edizioni 2017 e 2018 del Romaeuropa, negli speciali realizzati da Save The Date per Rai Cultura, mentre dalle pagine web di Rai Radio 3 è possibile riascoltare i “Post-it”, gli incontri tra artisti e pubblico realizzati per la “community” del REf.  Romaeuropa.net; FB: Romaeuropa; IG: Romaeuropa.

 

Per approfondimenti e aggiornamenti: canali social @culturaaroma con hashtag #laculturaincasa.

 

(Visited 25 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago