La commissione pari opportunità di Roma Capitale, presieduta da Michela Cicculli (Sinistra Civica Ecologista), ha ascoltato Francesca Tolino di Libera di abortire ed ha espresso una posizione di supporto alle istanze del movimento.

Una chiara presa di posizione della commissione pari opportunità di Roma Capitale in favore delle donne della città che decidono di abortire e non vogliono, per questo, veder lesi i propri diritti di privacy.

La Commissione, guidata da Michela Cicculli di Sinistra Civica Ecologista, si è detta favorevole all’azione popolare scaturita in seguito al ritrovamento, da parte di una giovane romana nel settembre del 2020, di una croce col suo nome all’interno del cimitero Flaminio. Sotto quella croce, senza che lei ne fosse mai venuta a conoscenza, era seppellito il feto abortito mesi prima.

Francesca Tolino, fondatrice del movimento Libera di Abortire è stata ascoltata dalla commissione pari opportunità della Capitale.

“Ci siamo assunti la responsabilità come donne colpite direttamente da questa vicenda e come cittadini e cittadine romane – ricorda Francesca Tolino che parla anche a nome dei Radicali – di avviare un processo tramite lo strumento dell’azione popolare in sede giudiziaria, come prevede il testo unico degli enti locali. La allora sindaca Raggi non ha voluto prendere parte al processo, ora il nuovo sindaco Gualtieri può farlo”. 

Lazio, in arrivo il “bonus psicologo”. Ecco come accedere al fondo

Libera di abortire, la solidarietà delle consigliere per le Pari opportunità

Diverse esponenti della commissione capitolina hanno dichiarato la propria solidarietà alla causa. Secondo quanto scritto in una nota dei Radicali e di Libera di Abortire, Claudia Pappatà del Pd ha chiesto di “fare il possibile per esprimere una chiara posizione come commissione e consiglio perché non è accettabile che a Roma accada tutto questo”. Tiziana Biolghini, consigliera di Roma Futura, ha sottolineato la necessità “di verificare con il capo di gabinetto, con la giunta e con l’avvocatura, le questioni emerse da un punto di vista legale e normativo, esprimendo sostegno alla campagna di Libera di abortire”. Nella Converti del Pd ha ribadito come “sia urgente chiedere chiarezza nelle procedure perché i diritti delle donne vengano difesi”.

Covid19, l’accusa del premier Draghi: “Se siamo in difficoltà è colpa dei No Vax”

 

Articolo precedenteLazio, in arrivo il “bonus psicologo”. Ecco come accedere al fondo
Articolo successivoAnimali, 30 pet shop di Roma sanzionati dall’Organizzazione internazionale protezione animali