AttualitàGood NewsMobilitàRomaScienza e Tecnologia

Da Roma al Circeo in bici, ora si può: una ciclovia immersa nella natura sarà inaugurata il 29 agosto

Condividi

Da Roma al Circeo in bici, ora si può. Il 29 agosto, infatti, sarà inaugurata la ciclovia che collega la Capitale con San Felice Circeo.

Da Roma al Circeo in bici, percorrendo una ciclovia immersa nella natura. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 agosto ed è possibile grazie all’idea e allo spirito di iniziativa di Andrea Romagnoli e Andrea Nataloni, due amici e biker. La nuova ciclovia, ideata e ripensata più volte per arrivare ad un itinerario ottimale, sarà un’alternativa piacevole sia al passaggio per l’Appia e per i Castelli Romani, sia alla litoranea. Un percorso vario, che attraversa paesaggi suggestivi dal mare alla campagna, passando per le aree lacustri del Parco nazionale del Circeo.

Passando per la ciclovia, sarà possibile anche ammirare splendidi esempi di biodiversità come il Bosco dell’Armellino, la Pineta della Campana, il Bosco del Sughereto, il Bosco di Tre Cancelli, il Bosco di Torre Astura, il Bosco della Biosfera Unesco e i laghi di Fogliano, dei Monaci, di Caprolace e di Paola. Come spiega Andrea Nataloni, il progetto è quasi completamente definito: “Servirebbero in futuro un paio di interventi delle Amministrazioni Locali per rendere tutto migliore e più fruibile“.

Nasce in Sardegna la prima rete di bike-hotel per il cicloturismo

Dopo l’inaugurazione, sarà stretto un gemellaggio tra Associazioni del Circeo, che cercano di difendere la zona dal turismo di massa, optando per quello più sostenibile e di qualità. Il progetto ha infatti coinvolto realtà che difendono la scuola del centro storico di San Felice Circeo o si battono la riapertura dell’accesso al mare a Sabaudia, nei pressi della villa appartenuta un tempo ad Alberto Moravia.

(Visited 234 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago