Roma

Botticelle, a Roma via libera anche con il caldo. Accolta la richiesta dei vetturini

Condividi

Roma. E’ momentaneamente sospesa l’ordinanza con la quale la sindaca di Roma, Virginia Raggi, il 26 giugno scorso aveva stabilito il divieto di circolazione delle botticelle (tipiche carrozzelle trainate da cavalli) quando si verificano ondate di calore in città.

L’ha deciso il Tar del Lazio con un decreto cautelare urgente. Accolta, quindi, la richiesta con la quale una serie di conducenti sollecitava la sospensione urgente del provvedimento sindacale che stabilisce, fino al prossimo 30 settembre il divieto di circolazione qualora la temperatura risulti pari o superiore ai 30 gradi.

Rifiuti Roma, arriva l’ordinanza per ripulire la città

Il Tar ha considerato che “nella specie, sussistono le condizioni per disporre l’accoglimento dell’istanza nelle more della celebrazione della camera di consiglio”, già fissata il prossimo primo agosto.

Emergenza Climatica Roma, 30mila firme consegnate in Campidoglio

“Cosa sperano di ottenere i vetturini? Il caldo torrido che imperversa ormai da più di un mese sta massacrando i cavalli costretti a trainare le botticelle sull’asfalto rovente della Capitale”, è il commento del gruppo M5s del Campidoglio. “Stiamo facendo di tutto per impedirlo – proseguono i consiglieri – ma loro vogliono continuare a far del male ai poveri animali sfruttandoli fino allo stremo. E’ intollerabile. Il benessere degli animali deve essere assolutamente salvaguardato. Non ci fermeremo”.

Roma, emergenza rifiuti: cattivi odori, distese di larve e rischi per la salute

(Visited 78 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago