Roma avrà la sua Città della Scienza: nel quartiere Flaminio sorgerà uno hub culturale

“Abbiamo deciso di ripartire subito attraverso la definizione di un comitato tecnico scientifico che possa studiare il progetto di Città della Scienza”. Intervista a Maurizio Veloccia, assessore all’Urbanistica capitolino.

Roma avrà la sua Città della Scienza. L’ex caserma di via Guido Reni ospiteranno un hub culturale per la realizzazione del quale sarà bandito un concorso internazionale di architettura.

L’assessore all’Urbanistica capitolino, Maurizio Veloccia, ci ha illustrato la sua visione del progetto che interesserà il quartiere Flaminio.

Roma, al via “Condivide et albera”: 150 nuovi alberi in città

Noi pensiamo che Roma possa essere lanciata sul piano internazionale anche attraverso delle funzioni di carattere urbano che possano richiamare l’attenzione fuori dai confini cittadini. Abbiamo deciso di ripartire subito attraverso la definizione di un comitato tecnico scientifico che possa studiare il progetto di Città della Scienza.  – dichiara l’assessore a TeleAmbiente – Noi non immaginiamo che sia un classico museo novecentesco, ma immaginiamo più un hub culturale che permetta di mettere in relazione la enorme dotazione di musei scientifici che ci sono nella città di Roma e che possa quindi avere, a fianco di un luogo di esposizione, tanti spazi dedicati all’interazione tra il mondo della scienza e il territorio”.

Roma, avvio della Food Policy con la convocazione della prima seduta Consiglio del Cibo

E conclude: “La nostra idea è quella di fare in modo che in ogni grande luogo della trasformazione della città ci possano essere dei servizi di carattere locale ma, in alcuni casi, ci possano essere anche dei servizi di carattere urbano. Io credo che nel contesto di una Roma del futuro, essendo cambiato il tessuto produttivo della città che un tempo era legato soprattutto a un’espansione edilizia, dobbiamo individuare nuove forme di vita di questa città e di sviluppo”.

Servizio a cura di Manuela Murgia