La giunta Raggi ha richiesto il finanziamento dell’ampliamento della linea metropolitana che proseguirebbe dopo Battistini. Le nuove stazioni: Bembo, Valle dei Fontanili, Millesimo con capolinea Monte Mario.

Ultima fermata: Monte Mario. La Metro A di Roma, infatti, dovrebbe ampliarsi aggiungendo quattro nuove stazioni dopo Battistini: Bembo, Valle dei Fontanili, Millesimo e infine Monte Mario. I 5 chilometri aggiuntivi, dunque, porterebbero il trasporto metropolitano nei popolosi quartieri Primavalle e Torrevecchia.

Roma, riapre la stazione di Castro Pretorio: era chiusa da più di un anno

È quanto previsto dall’ultima delibera della giunta Raggi. Con la delibera di giunta n. 249/2021, il dipartimento Mobilità di Roma Capitale ha presentato al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili la proposta di finanziare l’ampliamento della rete metropolitana capitolina.

Il tutto seguendo un tracciato già previsto nel 1973 ma mai attuato. Secondo una prima stima, per effettuare i lavori di prolungamento della metro A saranno necessari 900 milioni di euro. I fondi per la progettazione preliminare (circa 5,6 milioni di euro, già assegnati dal Ministero dei trasporti) arriveranno dal Fondo Progettazione delle Opere Prioritarie istituto dal Nuovo Codice degli Appalti.

Takeve, arriva il delivery al femminile: 15 rider in bici elettrica nei quartieri romani

I lavori si fermeranno a Monte Mario ma per non chiudere ad ampliamenti futuri, al capolinea sarà predisposto un manufatto di bivio. Nell’ipotesi di un futuro ampliamento la metro A arriverebbe a toccare l’ambito di Casal Selce con le fermate di Torrevecchia, Montespaccato e Acquafredda.

Intanto una buona notizia arriva sul fronte Metro B. Da questa mattina la fermata Castro Pretorio ha riaperto i battenti dopo più di un anno. Era stata chiusa per lavori di manutenzione, così come per la fermata Policlinico che – fanno sapere i tecnici – dovrebbe riaprire nelle prossime settimane.

Articolo precedenteClima, l’allarme Iea: “Con gli attuali impegni riscaldamento a 2,1°C nel 2100”
Articolo successivoCina, il grattacielo con l’orto al suo interno: il progetto italiano nella città di Shenzhen