Nelle case popolari dell’Ater a Marzo partirà un progetto di car sharing condominiale. Una prima sperimentazione che, in caso di risultati positivi, sarà estesa al resto della città.

“A marzo partirà a Garbatella il primo car sharing condominiale in uno degli edifici dell’Ater”. Ad annunciarlo è stato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. 

Il governatore fa sapere che si tratta di una prima sperimentazione che, in caso di risultati positivi, sarà poi estesa a tutta la città di Roma e poi a tutta la regione Lazio. 

Il progetto è stato annunciato nell’ambito della presentazione del piano regionale sulla qualità dell’aria che, secondo quanto pubblicato in report di Legambiente, a Roma è particolarmente in sofferenza: il livello di biossido d’azoto è tre volte più alto di quello indicato dall’Organizzazione mondiale della sanità come accettabile.

Mobilità sostenibile, per il 78% degli italiani la prossima auto sarà elettrica o ibrida

Car sharing di condominio, ecco come funziona

“Ci saranno palazzi che avranno a propria disposizione per gli inquilini del palazzo macchine elettriche gestite con Ater“, ha spiegato Zingaretti.

In questo primo esperimento saranno utilizzati due auto e uno scooter elettrici. L’esperimento partirà dal lotto 15, in via Edgardo Ferrati. Lì sarà posizionata una colonnina di ricarica elettrica per i mezzi.

Zingaretti: “Estenderemo a tutte le case popolari”

“Vedremo come va a Garbatella, ma già stiamo trovando le risorse per portarle in tutto il patrimonio pubblico delle case popolari del Lazio. A ogni casa popolare e dell’Ater corrisponderà anche una vettura elettrica a disposizione del condominio. È questo quello che ci vuole in questo momento”, ha detto il governatore Zingaretti.

“In pochi anni – ha poi concluso – abbiamo l’obiettivo di trasformare il patrimonio pubblico residenziale del Lazio in palazzi green. Metteremo 600 milioni per questo e anche il palazzo della Regione sarà oggetto di una totale ristrutturazione green”. 

Rivoluzione Metro di Roma: mezzi senza conducente e barriere anti suicidio

Articolo precedenteMediterraneo con l’acqua alla gola: la metà delle spiagge scompariranno entro fino secolo
Articolo successivoRoma, inquinamento alle stelle: livelli di biossido d’azoto tre volte la norma