Roma

Roma, alberi asfissiati dal bitume.  Gassmann: “Chi ha fatto questo orrore?”

Condividi

Roma. Alberi asfissiati dal bitume del rifacimento dei marciapiedi. Polemica sui social, anche Alessandro Gassmann denuncia su Twitter: “Chi ha fatto questo orrore?”. Infine la Raggi risponde.

Denuncia su Twitter, dell’attore Alessandro Gassmann dello scempio effettuato ai danni degli alberi, durante il rifacimento dei marciapiedi nel quartiere Aurelio, in Via Nostra Signora di Lourdes, nei pressi della fermata metropolitana Cornelia.
“A coloro che hanno rifatto la pavimentazione di questi marciapiedi nel quartiere Aurelio, andrebbero cementati i piedi per vedere se riescono a sopravvivere”.

#GREENHEROES, Gassmann lancia l’iniziativa. Storie di aziende che fanno bene all’ambiente

Strade, al III e VIII municipio la sperimentazione “sigillante asfalto”

Denuncia con recapiti: “Come segnalatomi lascio a disposizione dei cittadini del quartiere Aurelio di Roma e non, i recapito del direttore della manutenzione Urbana di Roma, dal sito del comune, per chiedere di intervenire su questo piccolo ma significativo disastro”

Clima, caduta alberi e maltempo. Diaco (M5s): “La causa sono i cambiamenti climatici, non solo una cattiva manutenzione”

E ancora: “Ma nel quartiere Aurelio di Roma, chi ha fatto questo orrore? Bene rifare i marciapiedi, ma cosi?…ma come è possibile? e rivolgendosi al profilo ufficiale di Roma Capitale chiede di “rispondere presto e rimediare” perché “più passa il tempo più non ci fate una bella figura e il danno si amplia”.

Roma, Notte dei Musei 2019 – “L’arte di rimanere accesi”. VIDEO e INFO

Rifiuti Roma, Raggi accelera sul divieto delle plastiche monouso

Infine la risposta del sindaco Virginia Raggi: “Chi ha fatto questo ‘pasticcio‘ è stato sanzionato. Le ditte di manutenzione devono rispettare le normative ed eseguire i lavori a regola d’arte” e il ringraziamento a Gassmann, per la “segnalazione e impegno che ogni giorno metti per Roma”.

(Visited 750 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago