Roma “Stati Generali del Verde”, interventi messi in campo e prospettive future

“Gli Stati generali del Verde, oltre ad essere una fondamentale occasione per tracciare un bilancio del lavoro svolto, assumono un particolare significato nell’imminenza dell’apertura della Conferenza sul Clima delle Nazioni Unite COP28”, assessora Sabrina Alfonsi.

Si è tenuto in Campidoglio, venerdì 24 novembre, l’evento gli “Stati generali del Verde” organizzati dall’Assessorato all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei rifiuti di Roma capitale in collaborazione con la Città Metropolitana, il Consiglio per la ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), il Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari dei Carabinieri (CUFAA) l’Ordine dei dottori agronomi e forestali di Roma e Provincia (ODAF) e il Collegio degli Agrotecnici di Roma, Rieti e Viterbo.

Una giornata di confronto e di studio per fare il punto sullo stato del patrimonio verde di Roma, sugli interventi messi in campo e sulle prospettive future della sua valorizzazione e rigenerazione nel quadro delle sfide ambientali che attendono la città.

Nella sua relazione introduttiva l’Assessora Sabrina Alfonsi ha tracciato un bilancio degli interventi realizzati nel biennio dall’inizio del mandato, a partire dalla cura dell’immenso patrimonio verde della città, con le potature, i trattamenti endoterapici sui pini attaccati dal parassita della cocciniglia, la messa in sicurezza e sostituzione delle alberature di parchi e strade e le nuove forestazioni urbane. E’ stato illustrato, inoltre, il lavoro complessivo di riqualificazione e di nuova progettazione di parchi e aree verdi.

Sulla spesa corrente si è intervenuti con un decisivo incremento delle risorse: dai 6,7 milioni del 2020, si è passati ai 18 milioni nell’ultimo bimestre del 2021 a 18 milioni e, per la cura del verde, si sono investiti 33 milioni del 2022 e quasi 34 milioni del 2023 (di cui oltre 4 milioni trasferiti ai municipi). Anche la capacità di spesa si è fortemente incrementata: dal 39% di fondi spesi su quelli impegnati nel 2020 si è arrivati al 93% dei fondi spesi del 2022, con l’obiettivo di raggiungere il 100% nel 2023.

Per la sostituzione delle alberature giunte a fine ciclo vitale è stato attivato un appalto da 1,9 milioni di euro cui si aggiunge un appalto per ulteriori 6,5 milioni con fondi del Giubileo per il deceppamento e le ripiantumazioni.

Dal 2024 sarà attivo il nuovo accordo quadro triennale finanziato con 100 milioni di euro per la cura e manutenzione ordinaria del verde orizzontale e verticale nei 15 municipi e nelle ville storiche.
Sono stati monitorati oltre 80.000 alberi pubblici ed effettuati circa 70.200 interventi di potatura dal 2022 ad oggi, a fronte delle 6176 potature del 2020.

Nel 2022 sono stati messi a dimora 13mila alberi e per la stagione 2023/2024 l’obiettivo è di arrivare a circa 20mila piantumazioni complessive, tra interventi del Dipartimento Ambiente, le forestazioni decreto clima e quelle in partenariato con soggetti privati.

Per quanto riguarda i trattamenti endoterapici contro il parassita della Toumeyella, dal 2021 sono stati trattati oltre 48.500 pini sul totale di circa 50.000 pini pubblici rispetto al 2021 quando i trattamenti erano stati circa 3.200.

Con lo stanziamento di 63 milioni di euro è stato approvato per il 2023 un piano di investimenti del Dipartimento Tutela Ambientale Ambiente la cui consistenza non ha precedenti, all’interno del quali ci sono i progetti giubilari e quelli legati al PNRR.

Con l’ingresso dell’Ambiente tra i principi fondamentali della nostra Costituzione, è avvenuto un cambio di paradigma epocale, modificando per la prima volta dal 1948 i principi fondamentali della nostra Carta costituzionale, introducendo l’ambiente, gli ecosistemi, gli animali e la tutela del futuro delle nuove generazioni come spartiacque di un prima e di un dopo.
Gli Stati generali del Verde, oltre ad essere una fondamentale occasione per tracciare un bilancio del lavoro svolto, assumono un particolare significato nell’imminenza dell’apertura della Conferenza sul Clima delle Nazioni Unite COP28. I contributi scientifici di assoluto livello ai lavori di questa giornata forniranno elementi di studio e riflessione fondamentali per supportare l’azione dell’amministrazione nel governo della città, favorirne la transizione ecologica, eliminare le disuguaglianze ambientali, migliorare la qualità dell’ambiente urbano per salvaguardare la salute della cittadinanza e tutelare il patrimonio naturale di Roma” ha dichiarato Sabrina Alfonsi, Assessora all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei rifiuti di Roma capitale.