Roma

ROMA, NUOVA ILLUMINAZIONE GREEN NELLA BASILICA DI SAN PIETRO

Condividi

Roma. Due anni di lavoro per un’illuminazione green nella basilica di San Pietro, Roma: 100mila led che consentono di ridurre l’energia elettrica utilizzata del 90 per cento.

“Il nuovo sistema presentato segue anche le indicazioni della ‘Laudato Si’, l’enciclica sull’ambiente di papa Francesco, ed è stato creato all’insegna della sostenibilità ambientale e dell’efficienza energetica” commenta Roberto Barbieri, direttore generale Osram, a margine della presentazione del nuovo impianto di illuminazione.

“Siamo lieti che a questo importante luogo sia stata data una luce speciale grazie alla nuova illuminazione”, commenta  il cardinale Giuseppe Bertello, presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.

I lavori di progettazione e installazione dei nuovi apparecchi Led sono durati quasi due anni: ora la basilica di San Pietro può mostrarsi in tutta la sua magnificenza. Osram ha lavorato a un progetto personalizzato per mettere in luce tutte le peculiarità della basilica più importante del mondo, utilizzando oltre 780 apparecchi speciali e circa 100.000 Led. A tutto questo si aggiunge un sistema di controllo della luce digitale attraverso il quale è possibile adattare in maniera rapida e mirata l’illuminazione della superficie di quasi 22.000 metri quadrati complessivi della basilica, in base a scenari predefiniti.

Grazie al nuovo sistema integrato a Led, è possibile ammirare i mosaici delle cupole negli ottagoni delle navate laterali nei minimi dettagli. Molte opere d’arte che prima erano al buio, ora appaiono in pieno splendore.

“La nuova illuminazione risponde perfettamente alle esigenze di culto, preghiera e celebrazione, in particolare quando è presente il Santo Padre. Ma abbiamo raggiunto anche un altro scopo grazie a questa illuminazione ‘intelligente’: la possibilità di ammirare la bellezza architettonica della basilica”, dice il card. Angelo Comastri, arciprete della basilica.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago