Roma, al quartiere Africano arrivano i primi “cassonetti intelligenti”. Ecco come funzionano

“Questi 9mila cassonetti che saranno messi a gara e arriveranno, sono cassonetti che guardano al futuro”, Alfonsi. Ecco i nuovi “cassonetti intelligenti” anche a Roma.

Dopo la notizia della realizzazione del termovalorizzatore a Santa Palomba entro il 2026, arrivano a Roma nel quartiere Africano i nuovi cassonetti intelligenti per la raccolta dei rifiuti su strada.

Sono 36 posizionati nello spartitraffico centrale fra viale Libia, piazza Gimma e viale Eritrea. Blu per carta e cartone, giallo per plastica e metallo, marrone per gli scarti organici e grigio per i materiali non riciclabili. Sono più grandi e capienti, rispetto ai vecchi contenitori, e non si possono né spostare né rovesciare.

A presentarli ufficialmente venerdì 2 dicembre sono stati il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, l’assessora capitolina all’Ambiente e ai Rifiuti, Sabrina Alfonsi, la presidente del II Municipio, Francesca Del Bello e i vertici di Ama.

“Questi cassonetti hanno sul lato destra la possibilità di avere una scheda. La prima sperimentazione che faremo è far suonare la barra nel caso in cui venga parcheggiato davanti. Potranno comunicare con i depositi per lo svuotamento.ha dichiarato a TeleAmbiente l’assessora Sabrina AlfonsiSi arriverà poi alla tariffa che va sperimentata per tutti nello stesso momento. Questo verrà fatto quando avremo la possibilità di farlo a tutti. Questi 9mila cassonetti che saranno messi a gara e arriveranno, sono cassonetti che guardano al futuro. Se li confrontiamo con i cassonetti che compravamo prima che erano già superati dalla storia, penso che abbiamo fatto un doppio passo in avanti”. 

Sono le prime campane che daranno vita ad una sperimentazione che durerà dai 3 ai 6 mesi. Altri 50 nuovi cassonetti, invece, arriveranno presto in via Appia Nuova: “Al termine della sperimentazione, se avrà esito positivo, ne verranno prodotti 9000, che saranno distribuiti con una mappa ragionata in base alle caratteristiche delle zone“, ha dichiarato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

I contenitori vecchi, che saranno rimossi, hanno una capienza da 1.100 litri, mentre le nuove campane hanno una volumetria superiore (da 1.800 litri ai 3.700 litri).

Le caratteristiche dei cassonetti intelligenti

Queste campane, oltre ad avere una base robusta per impedirne lo spostamento, vengono usate nelle città più all’avanguardia. Hanno la predisposizione per diventare smart e con meccanismi anti ratto. C’è una barra che li tiene fermi e suonerà se qualcuno ci si ferma davanti o ne impedisce lo svuotamento.

Possono comunicare con la centrale, se il cassonetto diventa pieno prima dello svuotamento si può svuotare prima. Le operazioni di raccolta, inoltre, saranno più veloci riducendo sensibilmente l’impatto sul traffico veicolare.

Articolo precedentePachamama, il gioco di Natale che insegna la lotta al cambiamento climatico
Articolo successivoGatto e Albero di Natale: i video più divertenti del web