Roma

ROMA, IN ARRIVO SEI NUOVE ISOLE ECOLOGICHE PER MIGLIORARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Condividi

Roma Isole Ecologiche. In arrivo a Roma sei nuove isole ecologiche, che si aggiungeranno alle 14 esistenti, per migliorare la raccolta differenziata ed il decoro della Capitale, con un incremento di quasi il 50%.

Le aree per le quali gli uffici competenti di Roma Capitale hanno dato parere favorevole per quanto riguarda la destinazione urbanistica sono: Via Casal selce; via Pontina; via V. Guidi; via Tor San Giovann;, via Charles Lenormant e via Pasquini.

I Municipi coinvolti sono III, V, X, IX insieme al XII e al XIII che attualmente sono completamente sprovvisti di isole ecologiche.

“Un impegno particolare del nostro Assessorato sarà rivolto alla realizzazione del centro di raccolta a Tor di Quinto nel XV municipio” – ha spiegato in una nota l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale, Pinuccia Montanari.

Le aree coinvolte, si trovano tutte su suolo pubblico e potranno essere messe a disposizione di Ama per la realizzazione dei centri di raccolta senza ulteriori costi per l’Amministrazione capitolina.

I nuovi centri inoltre, permetteranno di migliorare il servizio ai cittadini che devono disfarsi di rifiuti ingombranti o altre tipologie di oggetti e materiali che non possono essere conferiti tra gli scarti domestici.

“Insieme alla nuova raccolta differenziata che prevede la rimozione dei cassonetti stradali – ha spiegato ancora la Montanari – le nuove isole ecologiche permetteranno di migliorare il decoro e incrementare la quantità di materiali raccolti in modo differenziato che potranno essere avviati al riciclaggio”.

(Visited 364 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago