In prima linea 27 sigle, tra comitati e movimenti ambientalisti:  organizzata nella Capitale una biciclettata con partenza dal Colosseo

Flash mob in piazza Santi Apostoli, ieri, a Roma per protestare contro la proposta di tassonomia verde Ue che prevede l’inserimento di nucleare e gas come investimenti sostenibili, equiparandoli alle energie rinnovabili. In prima linea 27 sigle, tra associazioni, comitati e movimenti ambientalisti che hanno aderito alla giornata di mobilitazione europea indetta per il 21 maggio per ribadire, tutte insieme, l’insensatezza di questa tassonomia verde che allontana dalla giusta transizione ecologica verso le fonti rinnovabili.

Nel video “Gas e nucleare menzogna letale #NotMyTaxonomy”, realizzato da Elia Andreotti, la sintesi del flash mob romano: dalla biciclettata partita dal Colosseo, con breve tappa di protesta davanti alla sede della Rappresentanza in Italia della Commissione Ue in via Quattro novembre, all’arrivo a Piazza Santi Apostoli dove i manifestanti, vestiti da Capi di Stato e rappresentanti Ue, hanno organizzato una partita di calcio con un pallone d’eccezione, una riproduzione del mondo. Oltre Roma, flash mob anche a Milano e in altre città europee.

La mobilitazione del 21 maggio non è che uno dei tasselli della campagna europea #NotMyTaxonomy e dell’impegno sulla Tassonomia UE del movimento ambientalista a livello europeo, per mettere in campo azioni di pressione sugli europarlamentari, in vista del voto congiunto – nella terza settimana di giugno – delle Commissioni parlamentari europee ENVI ed ECON, e del voto in plenaria previsto la prima settimana di luglio. L’obiettivo è fare in modo che il Parlamento Europeo voti per il rigetto dell’atto delegato della Tassonomia UE, fermando così questa insensata operazione di greenwashing e attacco alla transizione ecologica.

Articolo precedenteBonus condizionatori 2022, chi ne ha diritto e come chiederlo
Articolo successivoDavos, al via il World Economic Forum con il clima sulla sfondo