CulturaEventiRomaVideo

Roma Ecologista a favore di Roma Expo2030: ora la città è pronta

Condividi

Al Palazzo Brancaccio giovedì 23 settembre si è tenuto il convegno “Roma Expo 2030: sostenibilità e innovazione. Un’opportunità di rigenerazione urbana per turismo, commercio, greenbuilding e industria innovativa”.

All’incontro moderato da Stefano Zago, direttore responsabile di Teleambiente, presente il capolista della lista ecodigital, Roma EcologistaAlessandro Bianchi: “Expo2030 e un’occasione straordinaria. Nel 2030 i cambiamenti climatici ci saranno ancora e Roma deve dare il suo contributo. Questa candidatura è un impegno che la Raggi sta portando avanti , un traguardo che va nell’interesse della sua città e oltre la sua candidatura“.

Roma Ecologista, le proposte del capolista Bianchi. Consoli: “Raggi la più ambientalista tra in candidati sindaci. Le forniremo più competenze”

Presente anche Veronica Tasciotti, Assessora allo sport, turismo e politiche giovanili: “Roma è una città complessa ma è ‘una Ferrari’, citando la sindaca Raggi, al momento l’unica in grado di guidarla. La destinazione del contributo di soggiorno, ad esempio, a Roma chiamata così, quindi non tassa, è servita per il turismo ma c’è bisogno di una destinazione più definita, come richiedono le associazioni di categoria. Ecco perché abbiamo deciso di incrementarla dal 5 % al 10 %, da reinvestire in un tavolo di regia insieme proprio alle associazioni di categoria“.  E conclude: “Dobbiamo ritornare al turismo di qualità, rispettoso della città e dei cittadini. Roma non può dire no ai grandi eventi ma si deve preparare. I grandi eventi portano indotto e turismo e Expo sarà un’opportunità. Confermare Roma capitale dei grandi eventi con questa candidatura serve a dare uno stimolo“.

Andrea Coia, Assessore allo Sviluppo economico e lavoro:  “Innovazione e sostenibilità sono elementi fondamentali che abbiamo voluto tradurre in nostri progetti, come Agrifood, per portare benefici alla filiera agroalimentare. Roma e agro sono parte della storia di questa città.  Una filiera condotta nell’interesse del bene pubblico con un prodotto di qualità, una serie di iniziative sotto l’aspetto dell’innovazione e della smart city: questi i principi che vogliamo portare ad Expo 2030“.

Alberto Sasso, Presidente EUR spa: “L’ Eur è sede di un centinaio di aziende, un peso economico importante che dimostra come il settore congressuale debba fare essere. In questo mandato abbiamo deciso di matchare il settore congressuale e culturale con 100 eventi , come il summit del G20 che si terrà all’Eur a fine ottobre.   La sostenibilità è un investimento sul futuro. Tante iniziative servono da stimolo a parlare di temi come la sostenibilità urbana o la resilienza al cambiamento climatico e l’ Eur su questo può fare molto”.

Il Tevere non è una discarica! Roma Ecologista con Retake per il World Cleanup Day: “Serve un’autorità unica per fermare chi inquina”

Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione UniVerde: “Roma è una città enorme, difficile da amministrare ma anche con grandi potenzialità. Ecco perché sostegno Expo2030 in una città con il maggior numero di ambasciate al mondo, la capitale mondiale dell’ONU per l’alimentazione. Mi auguro che il Presidente del Consiglio firmi la candidatura di Roma. Roma Ecologista a favore di Roma Expo2030”.

Simone Facchinetti, Rappresentante ufficiale della Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti: “Presentare la candidatura ad Expo2030 vuol dire avere una visione in un momento storico molto delicato. Proporre oggi Expo va a prendere anche i millenials e la generazione Z”. E conclude: “È importante questa candidatura di Roma per  rilanciare la città a livello di brand internazionale, così come è successo per Milano“.

(Visited 124 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago