L’episodio è avvenuto a Ostia, nella notte tra lunedì e martedì.

Vandalizzata e distrutta, a Roma, la Casa della Cultura intitolata a Gigi Proietti. La struttura, situata ad Ostia, tra via Calenzana e via San Fiorenzo, nei pressi del Lungomare, era stata recentemente riqualificata per ospitare eventi culturali per tutti i cittadini e nel frattempo, era diventata la sede di cinque classi di scuola primaria. Ora 120 alunni dell’istituto comprensivo Vega dovranno fare ritorno nella vecchia sede.

Roma, città dei 15 minuti: il convegno al Campidoglio

La Casa della Cultura, un tempo mercato coperto, dopo la dismissione era stata occupata qualche anno fa. Poi, con progetti e percorsi partecipati, e con investimenti da oltre mezzo milione di euro, l’edificio era stato ristrutturato e riqualificato per volere dell’ex giunta municipale guidata dal Movimento 5 Stelle. Il raid è avvenuto nella notte tra lunedì e martedì.

A denunciare per primi l’accaduto sono stati tre consiglieri municipali M5S: Giuliana Di Pillo (ex presidente del X Municipio), Alessandro Ieva e Silvia Paoletti. “Non è stata una semplice bravata, ma un’azione mirata. Confidiamo che i colpevoli siano assicurati alla giustizia, i danni sono ingenti e sottraggono un bene pubblico alla cittadinanza e alla scuola” – si legge in una nota congiunta – “Ci auguriamo che i lavori di ripristino avvengano in tempi ragionevoli, per riprendere il percorso partecipativo iniziato affinché si definisca il futuro definitivo modello di gestione pubblico, partecipato e condiviso della Casa della Cultura Gigi Proietti. Porteremo queste richieste in Consiglio municipale, con una nostra mozione, giovedì 7 aprile“.

Articolo precedenteFormula E, tornano a Roma le monoposto elettriche. Tutte le novità
Articolo successivoMicroplastiche, nuovo allarme choc: trovate nei polmoni di pazienti vivi