roma cinghiali peste suina zingaretti ferrari

Il presidente della Regione Lazio e il commissario straordinario all’emergenza fanno il punto della situazione.

Roma, si va avanti nel contrasto alla duplice emergenza dei cinghiali e della peste suina. Fino ad oggi sono 12 i casi accertati e Nicola Zingaretti ha spiegato: “Andiamo avanti anche con gli abbattimenti“. Il presidente della Regione Lazio ha fatto il punto della situazione: “Il tavolo di coordinamento presieduto dal prefetto lavora con questo obiettivo, la prima misura è quella delle recinzioni e stiamo andando avanti“.

I casi totali accertati di peste suina nell’area di Roma sono 12. Lo ha annunciato Angelo Ferrari, che ha spiegato: “Quello di Roma è un focolaio primario, non è una gemmazione di quello ligure o piemontese“. Il commissario straordinario per la peste suina ha spiegato in un’audizione alla Camera: “Il Grande Raccordo Anulare sta fornendo una barriera, rafforzata anche da lavori in corso. Si spera che possa bloccare la fuoriuscita da Roma Nord del fronte epidemico, concentrato nel Parco dell’Insugherata“.

Articolo precedenteClima, l’allarme di Greenpeace: “Mari sempre più caldi, cambia la biodiversità marina”
Articolo successivoAnimali, un gruppo di sub spagnoli salva balena intrappolata in una rete abusiva