Roma, parte la bonifica del Parco di Centocelle dopo l'incendio di luglio

I primi interventi di risanamento sono cominciati sotto lo sguardo del sindaco, Roberto Gualtieri, e dell’assessora all’Ambiente, Sabrina Alfonsi. Il Primo Cittadino: “Rimuoveremo 400 tonnellate di rifiuti in 45 giorni”.

È cominciata la prima fase di bonifica nell’area vicino al Parco di Centocelle di Roma dopo l’incendio dello scorso 9 luglio. I primi interventi di risanamento sono partiti sotto lo sguardo del sindaco della Capitale, Roberto Gualtieri, dell’assessora all’Ambiente, Sabrina Alfonsi, e dei presidenti dei Municipi V, Mauro Caliste, e VII, Francesco Laddaga.

Questo primo lavoro porta alla rimozione di 400 tonnellate di rifiuti combusti in 45 giorni. Abbiamo stanziato quasi 200mila euro e i lavori li sta realizzando AMA con due squadre di 25 operatori ciascuna in un terreno privato che arriva fino all’area ancora non presa in carico dall’assessorato all’Ambiente. Siamo molto soddisfatti con l’assessora Alfonsi e i presidenti dei Municipi di poter avviare la bonifica di quest’area con AMA. È l’indispensabile avvio del processo che ci permette di affrontare un’enorme questione che si trascina da anni. Un’indecenza“, ha dichiarato il Primo Cittadino di Roma.

Gli ha fatto eco Sabrina Alfonsi, assessora all’Ambiente: “Avevamo già fatto la bonifica dell’area della Tagliata che confina con il parco dalla parte dell’aeroporto di Centocelle dove c’erano rifiuti interrati e lì siamo già nella fase della bonifica vera, quella del terreno. Questa prima operazione riguarda, invece, la rimozione del combusto e dei rifiuti, e successivamente ripeteremo i carotaggi già fatti dal Comitato del parco e dalle associazioni, che hanno già segnalato la presenza di discariche interrate”.

E così, ribadisce l’esponente della Giunta, una squadra effettuerà il ritiro dei rifiuti normali, mentre un’altra quelli combusti.

Dopo questo intervento che comprende la messa in sicurezza del cosiddetto tunnel Mussolini, procederemo con dei carotaggi per la bonifica interrata. Useremo nuove tecnologie che ci spiegheranno la stratificazione del terreno per una bonifica mirata. Questa era un’operazione di bonifica tra le 100 già nel programma del sindaco Gualtieri, ma trovare spazio per i rifiuti di tutti i giorni non è facile, soprattutto dopo il rogo del Tmb di Malagrotta. L’incendio ci costringe ad accelerare. Puntiamo a ripulire cinque ettari con questa prima bonifica“, ha aggiunto Sabrina Alfonsi.

Bonifica del Parco di Centocelle, Sabrina Alfonsi: “Se i demolitori delle auto non bonificano le parti di loro competenza, chiederemo i danni”

Intanto, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, a breve emanerà un’ordinanza per chiedere ai demolitori delle auto di bonificare le parti di loro competenza. “Se non lo faranno in tutto o in parte, interverremo in danno“, ha concluso l’assessora all’Ambiente.

Articolo precedente“Non nel mio nome”, la campagna di Marevivo contro i grandi eventi in spiaggia
Articolo successivoDeserto dell’Atacama, le sue dune sono fatte anche di vestiti. Ecco qual è il costo ambientale della fast fashion