Attualità

RISCARTI, IL FESTIVAL DEL RICICLO CREATIVO

Condividi

Riscarti Festival, Roma. E’ stata inaugurata la mostra “SOStenibilità la Natura si ribella!” in programma fino al 22 dicembre in Via della Greca 5, Roma. La mostra nasce come iniziativa del Riscarti Festival, il festival internazionale del riciclo creativo.

La mostra è il prodotto di un viaggio in quei luoghi per recuperare gli scarti a Capricchia, frazione di Amatrice, e realizzare con essi delle opere d’arte. Le famiglie donando alcuni dei “resti” della loro storia, offrono la possibilità agli artisti di rielaborare il lutto e conservare la memoria, trasformando l’orrore in un momento di riflessione e di rinascita.

Gli effetti del cambiamento climatico si riflettono negli eventi catastrofici che investono il nostro Pianeta. Camminando verso la ricostruzione di Amatrice, gli artisti di Riscarti lanciano un messaggio di rinascita sostenibile, creativa e solidale.

Gli artisti Cristiano Muti, Alessandro Ciafardini, Filippo Riniolo, Germano Serafini e Francesca Pizzo, Cristiano D’Innocenti, Tommaso Garavini, hanno raccolto gli scarti e i resti dalle rovine del terremoto, realizzando delle opere d’arte.

La Pro-Loco  di Frasso Sabino ha realizzato anche una sfilata di abiti realizzati con materiali di riciclo. All’inaugurazione della mostra di oggetti e di design realizzata con il reimpiego degli scarti del terremoto di Amatrice,  il progetto  è stato presentato alla presenza dei  partner Istituzionali dell’iniziativa, Ministero dell’Ambiente, Regione Lazio,  Municipio Roma Centro, Pro-Loco di Capricchia.

La mostra è anche una raccolta fondi per regalare le opere alla città di Amatrice.

(Visited 204 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago